Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Welfare State: Correlazioni con la crisi economico-finanziaria e nuove strategie di politica sociale

Il presente lavoro nasce dalla riflessione sull'attuale società caratterizzata sempre di più da enormi disuguaglianze causate principalmente dall'assetto economico. Oggi l'idea al centro dell'interesse sia a livello macro-territoriale che micro-territoriale è far ripartire l'economia attraverso manovre economiche. Il presente lavoro si domanda invece se non sia necessaria una precedente analisi introspettiva sulla valorizzazione degli aspetti sociali, come mezzo per far ripartire il sistema. Si cercheranno di analizzare le cause alla base della crisi del welfare state, e ci si domanderà se le cause della crisi economica non siano da ricercare in una più profonda crisi di valori. Si analizzeranno i limiti dell'approccio paternalistico dello stato, nella sua funzione di garante dei diritti sociali, e si indagheranno le possibili ipotesi di superamento verso nuovi modelli.

I quesiti principali di partenza sono:
• Il peso dello stato sociale in termini di spesa pubblica ha contribuito all'instaurarsi della crisi economica- finanziaria?
• Come può essere ridefinito l'assetto dello stato sociale affinché non si creino contrasti tra aspetti economici e sociali?

L'elaborato verrà articolato in tre capitoli:
Nel primo si effettuerà un'analisi concettuale, storica e ideologica alla base del welfare state. Verso la fine del capitolo si esaminerà anche l'espansione delle politiche sociali nel secondo dopoguerra con particolare riferimento al clima sociale e alle dinamiche della spesa pubblica. Il secondo capitolo verterà sopratutto sugli attuali limiti e sulle future sfide del welfare. A questo capitolo si fornirà una connotazione particolarmente critica, non ci si limiterà ad elencare i limiti del WS, ma si cercheranno di analizzarne a fondo le cause. Veranno analizzati i problemi introdotti dal capitalismo e dalla globalizzazione, per poi passare ai problemi di natura demografica legati ad una frammentazione sociale ed a un allungamento dell'aspettativa di vita, concludendo infine con un analisi sull'espansione di nuove esigenze.
Il terzo ed ultimo capitolo verrà incentrato sui nuovi percorsi del welfare, in particolare si analizzerà il concetto di “welfare society” con l'idea che la sostenibilità dello stato sociale debba essere garantita attraverso un mix tra stato, mercato , famiglie e terzo settore. Verranno analizzate anche le difficoltà nell'attuare questo nuovo assetto sociale. Infine, si illustreranno brevemente le innovazioni del principale strumento di means testing italiano, ossia l'ISEE.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il presente lavoro nasce dalla riflessione sull’attuale società caratterizzata sempre di più da enormi disuguaglianze causate principalmente dall’ assetto economico. Oggi l’idea al centro dell’interesse sia a livello macro-territoriale che micro-territoriale è far ripartire l’economia attraverso manovre economiche. Il presente lavoro si domanda invece se non sia necessaria una precedente analisi introspettiva sulla valorizzazione degli aspetti sociali, come mezzo per far ripartire il sistema. Si cercheranno di analizzare le cause alla base della crisi del welfare state, e ci si domanderà se le cause della crisi economica non siano da ricercare in una più profonda crisi di valori. Si analizzerano i limiti dell’approccio paternalistico dello stato, nella sua funzione di garante dei diritti sociali, e si indagheranno le possibili ipotesi di superamento verso nuovi modelli. I quesiti principali di partenza sono: ✓ Il peso dello stato sociale in termini di spesa pubblica ha contribuito all’instaurarsi della crisi economica- finanziaria ? ✓ Come può essere ridefinito l’assetto dello stato sociale affinchè non si creino contrasti tra aspetti economici e sociali ? L’elaborato verrà articolato in tre capitoli: Nel primo si effettuerà un’ analisi concettuale, storica e ideologica alla base del welfare state. Verso la fine del capitolo si esaminerà anche l’espansione delle politiche sociali nel secondo dopoguerra con particolare riferimento al clima sociale e alle dinamiche della spesa pubblica. Il secondo capitolo verterà sopratutto sugli attuali limiti e sulle future sfide del welfare. A questo capitolo si fornirà una connotazione particolarmente critica, non ci si limiterà ad elencare i limiti del WS, ma si cercheranno di analizzarne a fondo le cause. Veranno analizzati i problemi introdotti dal capitalismo e dalla globalizzazione, per poi passare ai problemi di natura demografica legati ad una frammentazione sociale ed a un allungamento dell’aspettativa di vita, concludendo infine con un analisi sull’espansione di nuove esigenze. Il terzo ed ultimo capitolo verrà incentrato sui nuovi percorsi del welfare, in particolare si analizzerà il concetto di “welfare society” con l’idea che la sostenibilità dello stato sociale debba essere garantita attraverso un mix tra stato, mercato , famiglie e terzo settore. Verranno analizzate anche le difficoltà nell’ attuare questo nuovo assetto sociale. Infine, si illustreranno brevemente le innovazioni del principale strumento di means testing italiano, ossia l’ISEE.

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Yasser Elkoura Contatta »

Composta da 24 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 69 click dal 10/04/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.