Skip to content

The evolution of Islamic Finance. The case of Turkey

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Mammì
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Relazioni Internazionali
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Pierluigi Montalbano
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 104

The structure of the research will develop as follow.
The first chapter will consider the evolution of politics, economy and society in Turkey; how the most important Associations or leaders have been the protagonists of the resurrection of Turkey since 1990s. As has already been mentioned the external and internal influence on the Turkish economy had came from both the Europe and the Middle East, indeed, even if the Turkish economy follows the typical Western principles, on the other hand, the rising “Islamic economy” has been, for Turkey, a good opportunity to increase its own macro regional influence and to increase the society’s welfare.
The second chapter is dedicated to the Turkish banking system and its development after the 2001. Even though the liberalization process started, in the 1980s, when the Turkish democratization process had also begun. From that time institutions, banks and government changed actors, “free trade” helped the society to increase its wealth and privates citizens to have profitable investments. Foreigners also have contributed investing sums of conspicuous capital in Turkey. A paragraph will be dedicated to Turkish political economy with some attention to projects in cooperation between Turkey and International Organizations such as the World Trade Organization or the World Bank.
The third chapter will focus on the Islamic banking and financial model: the theories behind this model and individual participation in a joint project; the main religious impediments, the common banking and the two main islamic banking transactions. Recently, Takaful, the Islamic insurance; and sukuk, the Islamic bond, have driven Islamic finance closer and closer to the West. From an international perspective, the case of the Islamic Development Bank will show the islamic financial dynamism, as evidenced by its involvement with the London and Luxembourg Stock Exchanges.
Finally the fourth chapter will introduce the theory in practice. Several different kinds of examples will be given to show the real application of Islamic regulation in the economy with the intent of finding a connection between the Islamic and the capitalistic system.
As history teaches, after all, the economy is the only possible network between two different cultures which have made the history of the world.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
12 1.2 Turkey and the European Union Since the association agreement signed by Turkey and Europe in 1963, EU economic relations with Turkey have improved systematically, and today, the country appears much more integrated with main European trade and economic networks. On a superficial level, the analysis of E.U. politicians about Turkish membership is still divided between those who are sceptical and those who are in favour. Religious beliefs and geographical position are the main points against the membership, while economic and trade considerations are the main points in favour. In any case circumstances are much more complex than they might appear. In December 2004 the European Council decided unanimously to start accession negotiations with Turkey, “407 votes were in favour and 262 against" 8 . "The growing scepticism is reflected by the new negotiating framework formally agreed by the Luxemburg European Council and endorsed by the European Parliament in 2006. While accession is defined as the 'shared objective of the negotiations, the negotiations are defined as an open-ended process, the outcome of which cannot be guaranteed beforehand" 9 . One of the clearest examples of the functional opposition to Turkish membership is represented by those raising concern about shifting EU structural funds to Turkey, and the massive influence that a Turkish membership would have within European institutions. "too big, too poor [Turkey] to join the Union" stated a report of Germany’s European Parliament’s Christian-Democratic Party,. A document drafted in December 2012 by the European Commission agrees with the Luxembourg European Council conclusions of December 1997. However it was the Helsinki European Council which once and for all granted Turkey the status of candidate. The application would entail fulfilling various requirements in areas of common interests: “political reforms, alignment with acquis ⃰, dialogue of foreign policy, visas, mobility and migration, trade, energy, counter terrorism and participation in community programs" 10 . Especially in the field of energy, with a view to Turkey's development as a potential energy hub, the EU and Turkey started their cooperation with a number of important energy issues. Moreover, since 1995 Turkey and EU have formed a Customs Union, continuing to boost bilateral trade which totalled € 120 billion only in the 2011. “Turkey is the EU's sixth biggest trading partner, while the EU is Turkey's biggest. A bit less than half of Turkey's total trade is with the EU and almost 75% of the foreign investment that flows into Turkey with a strong high technology component comes from the EU" 11 . However Turkey decided not to implement the Customs Union leaving several trade issues unresolved, such as the abolition of technical barriers for trade, or restrictions on: import goods from third countries, state aid, enforcement of intellectual property rights, 8 Stefano Braghiroli, “An empirical assessment of MPE's voting behaviour on Turkey and Turkish membership”, Centre of the study of political change (CIRCAP), University of Siena, 2010. Osservatorio sui Balcani website. 9 European Commission 2005. 10 European Commission, Turkey 2012 progress report (October 2011-september 2012), Brussels 2012. p. 4. 11 Ibid. p. 5.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

turchia
start up
internazionalizzazione
investimenti esteri
islamic finance
internationalization
finanziamenti alle imprese
foreign investment
sme pmi
finanziamenti islamici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi