Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le operazioni di mercato aperto

Come la Banca d'Italia attraverso questo strumento di politica monetaria, quale le OMA, riesce ad influenzare la liquidità esistente nel sistema.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo I Le OMA nella Politica monetaria italiana. Obiettivi e strumenti. Evoluzioni 1. Introduzione Le funzioni della Banca centrale implicano che suo obiettivo prioritario sia quello di perseguire la stabilit� del potere d�acquisto della moneta e la stabilit� del sistema finanziario (ci� prima del 1999, cio� prima dell�ingresso nell�UE). Gli obiettivi e l�azione della Banca centrale devono per� poter essere adattati alle diverse condizioni dell�economia e dei mercati finanziari, come allorch� si verificano eventi non previsti o mutamenti nei comportamenti degli operatori. In Italia l�obiettivo dominante della politica monetaria � stato, dalla met� degli anni Settanta, dopo la ricostituzione delle riserve ufficiali (azzerate alla fine del 1975), quello della lotta all�inflazione. La Banca d�Italia attua la politica monetaria con il necessario grado di autonomia operativa, rispetto al potere esecutivo, e di discrezionalità. Un nuovo assetto del controllo monetario � dei rapporti tra la banca centrale e il Governo � stato realizzato in Italia mediante un insieme di innovazioni e riforme avviate alla met� degli anni Settanta con la creazione di un mercato dei titoli del Tesoro a breve; un momento istituzionale importante � stato il cosiddetto �divorzio� tra Tesoro e Banca d�Italia, nel 1981 (vedi II cap. di questo lavoro); questo passo � stato perfezionato con l�accantonamento dei

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mario Landolfo Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2090 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.