Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un presunto errore d'archetipo nel testo del Novellino

In questo lavoro si intende dimostrare che il protagonista della Novella LXI del Novellino era Seneca e non Socrate.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1 Per una descrizione più accurata delle varie forme rimando a Conte, Nota al testo , pp. 267-70. PR E ME SSA Il pre se nte la voro inte nde illustra re l’ipote si de ll’e siste nz a di un e rrore d’a rc he tipo ne l te sto de l N ov e llino , l’a ntic a ra c c olta di nove lle c omposta sul finire de l Due c e nto da un a utore -c ompila tore fiore ntino. Il N ov e llino ha una tra diz ione te stua le a bba sta nz a c omple ssa , su c ui la c ritic a ha molto disc usso. Il qua dro a c ui si fa rà c osta nte rife rime nto è que llo tra c c ia to da lla più re c e nte e diz ione c ritic a de l N ov e llino , c ura ta da Albe rto C onte . I te stimoni de lla ra c c olta sono: A: Pa la tino 566 (già E , 5, 5, 6) de lla B ibliote c a Na z iona le di Fire nz e , de lla prima me tà de l T re c e nto; G: Ga ddia no re liqui 193 de lla B ibliote c a Me dic e o-L a ure nz ia na di Fire nz e , poste riore a l 1315; L : ms. plute o 90 sup. 89 de lla B ibliote c a Me dic e o-L a ure nz ia na di Fire nz e , de lla se c onda me tà de l Qua ttroc e nto; P: ms Pa nc ia tic hia no 32 (già Pa nc ia tic hia no Pa la tino 138) de lla B ibliote c a Na z iona le di Fire nz e , in c ui si distinguono due pa rti: P 1 de l primo qua rto de l T re c e nto (c irc a 1320) e P 2 , de l te rz o o qua rto de c e nnio de l T re c e nto (a nni ’25- ’30); S: ms II III 343 (già Ma glia be c hia no-Stroz z ia no, c l. XXV, 513) de lla B ibliote c a Na z iona le di Fire nz e , de lla fine de l T re c e nto, iniz i Qua ttroc e nto; V: ms 3214 de lla B ibliote c a Apostolic a Va tic a na , de l 1523; Gz : Le C ie nto N ov e lle A ntik e , B ologna 1525 (e ditio princ e ps a c ura di C a rlo Gua lte ruz z i). Que sti te stimoni tra sme ttono la ra c c olta in qua ttro dive rse forme 1 : V e Gz a tte sta no la c osidde tta vulga ta de l N ov e llino , forma c on c e nto nove lle dota te di nume ra z ione e rubric he .

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara Ruocco Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 68 click dal 27/04/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×