Skip to content

Esperienze di Mediazione Familiare Intergenerazionale nel comune di Firenze. Il ruolo dell'assistente sociale.

Informazioni tesi

  Autore: Laura Travaglini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Disegno e Gestione degli Interventi Sociali
  Relatore: Annalisa  Tonarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

La scelta della tematica di tesi è legata all’interesse personale della scrivente alla mediazione familiare e all’offerta formativa di tirocinio di ricerca, proposta dall’Università e dal Servizio Sociale Professionale del comune di Firenze riguardo un progetto sperimentale di mediazione familiare intergenerazionale all’interno dell’area Anziani.
L’elaborato inizia con la presentazione de “I cambiamenti nella società contemporanea”: il mutamento e la fragilità dell’attuale struttura familiare; l’invecchiamento della popolazione; la maggiore attenzione alla cosiddetta “questione anziana”; le esigue politiche di welfare dedicate alle persone anziane e alla non autosufficienza; il legame tra quest’ultime e l’investimento di maggiori responsabilità alla famiglia- quale “risorsa di cura informale”.
In seguito, vengono descritte “Le dinamiche familiari” esaminando il ciclo di vita familiare, soffermandoci sul rapporto tra i genitori anziani e i figli adulti e quali problematiche sono innescate dall’evento critico della non autosufficienza di un genitore anziano; tra le questioni ricorrenti vi è il “caregiving intergenerazionale” come conseguenza dell’insufficiente supporto delle politiche sociali alle famiglie, il quale può creare tensioni intra familiari.
Per porvi rimedio, oltre all’intervento del Servizio Sociale, un nuovo supporto teso ad alleviare tale disagio è “La mediazione familiare intergenerazionale”. E, pertinente al suddetto argomento, è stata “La mia attività di tirocinio di ricerca all’interno del Progetto di Mediazione Familiare Intergenerazionale”, nel periodo ottobre-dicembre 2017.
Le attività di rilevazione e analisi dati sono state svolte dalla scrivente con l’ausilio di una scheda di rilevazione costruita al fine di constatare le caratteristiche demografiche e sociali dell’utenza in questione sia nella fase sperimentale che in quella attiva del progetto, e di capire se il bisogno/disagio dell’alta conflittualità all’interno dei nuclei familiari in carico al Servizio Sociale Territoriale, rilevato dagli assistenti sociali, sia stato alleviato, risolto oppure no attraverso il ricorso allo strumento mediativo.
La tesi si conclude con il confronto tra le due figure professionali coinvolte in questo innovativo Servizio: gli assistenti sociali e le mediatrici familiari.
I risultati ottenuti sono stati positivi: l’uso della mediazione familiare intergenerazionale ha alleviato in parte il bisogno/disagio espresso dagli assistenti sociali riguardo la conflittualità intra familiare degli utenti in carico al servizio sociale, ma tale approccio terapeutico dovrà essere oggetto di miglioramenti futuri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
14 1.3 L’offerta di interventi e servizi sul territorio fiorentino. Secondo quanto riportato dalla Legge di riforma dei servizi sociali, gli interventi in campo socio assistenziale sono di competenza comunale, mentre quelli sociosanitari risultano condivisi in maniera differenziata fra Comuni e ASL, a seconda della complessità e delle caratteristiche del bisogno 43 . A livello generale, in Italia, questo intreccio di competenze ha fatto sì che ci siano stati forte dispersione dei soggetti responsabili della gestione sul territorio: il ruolo del settore sociosanitario, legiferato dalle Regioni e di competenza delle ASL sul territorio è più facilmente individuabile, a dispetto di quello socio assistenziale, gestito in buona parte dai Comuni e dalle loro aggregazioni. Per favorire l’adozione di un sistema meno frammentato, il D. Lgs n.502/92 (e seguenti) prevede per i Distretti (sanitari) l’ampiezza massima di almeno sessanta mila abitanti e, la L. n. 328/2000 prevede che gli Ambiti Territoriali (comunali) debbano coincidere con i Distretti, al fine di favorire l’integrazione sociosanitaria 44 . Seguendo tale criterio, la Toscana presenta trentaquattro Ambiti coincidenti in altrettanti Distretti, con una media di 8.4 comuni e un grado di frammentazione del -1.18. Quindi, a mio avviso, facendo riferimento al principio secondo il quale, più alto è il valore e più forte è il livello di frammentazione, l’ambito toscano è mediamente frammentato e, in relazione al 42 (a cura di) Network Non Autosufficienza (NNA), 6° Rapporto 2017/2018 “L’assistenza agli anziani non autosufficienti” (p.14). 43 Vedi artt. 3, 18, 19 L.328/2000. 44 Pavolini E., opera già citata (p.146)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

servizio sociale
mediazione familiare
assistente sociale
ciclo di vita
dinamiche familiari conflittuali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi