La bioenergetica e il teatro. L'importanza del corpo nella relazione d'aiuto

Il tema principale è il corpo che interagisce nella relazione d'aiuto. Nelle situazioni di disagio, il teatro, il corpo e l'azione aiutano a creare un legame tra chi ha bisogno e chi sta dando aiuto.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Nella seguente tesi, ho scelto di parlare delle pratiche a mediazione corporea, soffermandomi principalmente su una scienza che va al di la delle solite impostazioni pedagogiche rigide, che usano parole e congetture per entrare in contatto con l’altro; la Bioenergetica ci permette di conoscere e codificare i messaggi che l’altro ci invia con il corpo; per avviare un progetto di relazione d’aiuto è necessario codificare ogni messaggio che l’utente ci invia, ed il primo messaggero risulta essere il corpo. Per conoscere i segnali del corpo e capire i suoi codici possiamo servirci della bioenergetica, scienza purtroppo ancora troppo poco conosciuta in ambito pedagogico, e poco utilizzate perché spesso l’utilizzare progetti statici e preconfezionati ci aiuta ad essere sicuri dei risultati; ma l’educazione è anche sperimentare non solo sugli altri, ma prima di tutto su di noi, chiedendoci se abbiamo una giusta formazione, se siamo pronti ad aiutare l’altro se ci faremo fagocitare dai problemi degli altri. La bioenergetica mette le due parti della relazione d’aiuto in comunicazione, li fa conoscere e se noi non sconosciamo il nostro corpo, non possiamo conoscere quello dell’altro. Quando si entra in contatto con un qualsiasi tipo di utenza, avere uno sguardo che si dirama in più direzioni è essenziale per svolgere un lavoro efficace. Mi sono interessata molto alla Bioenergetica, seguendo le lezioni proposte dalla professoressa Giovanna Pini. Ho visto in questa tecnica, un nuovo modo di vedere l’altro promuovendo il suo sviluppo, quindi ho deciso di raccontarla riprendendo nascita, sviluppo e punti cardine, cercando di trovare un nesso pedagogico anche per noi educatori che non abbiamo una formazione in questo ambito. Allora ho pensato al teatro delle azioni fisiche di Stanislavskij, che utilizza il corpo in modo pedagogico, per insegnare all’ attore ad entrare nel personaggio, così come Grotowski e la teatroterapia che utilizzano il corpo promuovendo sviluppo e riabilitazione dell’individuo, o ancora il teatro d’animazione pedagogico che mette l’anima in azione ci rende dinamici, fa emergere la parte

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Matilde Tropea Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 44 click dal 30/05/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.