Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Damnatio ad metalla

Attraverso l’analisi dell’attività lavorativa in miniera l’elaborato si propone l’obiettivo di ricostruire le tappe fondamentali che portano ad una concezione moderna del lavoro quale espressione della dignità umana in contrapposizione alla concezione greco-romana. L’attenzione sarà rivolta, in particolare, alle dure condizioni di vita dei minatori in tutte l’età.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Attraverso l’analisi dell’attività lavorativa in miniera l’elaborato si propone l’obiettivo di ricostruire le tappe fondamentali che portano ad una concezione moderna del lavoro quale espressione della dignità umana in contrapposizione alla concezione greco-romana. L’attenzione sarà rivolta, in particolare, alle dure condizioni di vita dei minatori in tutte l’età. La motivazione profonda che mi ha spinto ad indagare e ad analizzare l’argomento del lavoro minerario nasce da quando la nonna paterna, Lucia, mi raccontava la vita del nonno Luciano, che per ben undici anni ha lavorato duramente lontano dai familiari nelle miniere di Marcinelle, in Belgio. Partito insieme ad un gruppo di compaesani salentini con la famosa valigia di cartone nel lontano 1946, quando si respirava il clima austero del secondo dopoguerra, trovò nel buio dei cunicoli sotterranei una risposta economica alla sua necessità di denaro. La nonna mi leggeva le lettere inviate dal nonno che lei conservava gelosamente come uno scrigno prezioso e nelle poche righe emergeva il dolore della lontananza dalla terra natia, dai propri cari e la durezza del lavoro nelle miniere. Partendo da tale premessa, ho ritenuto importante indicare condizioni e motivazioni che spinsero molti uomini, come mio nonno, ad andare a lavorare in miniera.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Federica Rizzello Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 28 click dal 01/06/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.