Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sguardo filosofico dei bambini. Una riflessione introduttiva

Nel testo è affrontata la filosofia teoretica, in particolare sono stati introdotti riferimenti a Lipman e la sua Philosophy for Children incentrando l'attenzione sulla comunità di ricerca come modalità per avvicinare i bambini alla filosofia in modo più semplice ma efficace.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Da sempre la filosofia viene interpretata come materia astratta, senza alcuni riferimenti pratici, che possano dare un riscontro concreto nella vita di tutti i giorni. Ebbene, la ragione per cui ho deciso di dar vita a questo elaborato è racchiusa nel fatto che vorrei tentare di spiegare, nei limiti del possibile, quanto in realtà questa disciplina sia fondamentale per ciascuno di noi poiché rappresenta la chiave attraverso la quale abbiamo la possibilità di percepire al meglio il mondo che ci circonda, arricchendo sensibilmente il nostro “io” interiore con l’obiettivo di osservare la vita in maniera totalmente diversa. Ho avuto la possibilità di maturare queste considerazioni nel corso della mia carriera universitaria, grazie ad una bellissima esperienza che mi ha permesso di guardare la filosofia con occhi differenti. Ogni volta che ascoltiamo, pensiamo, ragioniamo, giudichiamo, comunichiamo, cooperiamo, stiamo filosofando. Ragionando su quelle che sono state le mie vicissitudini personali, ritengo doveroso (come hanno già fatto alcuni filosofi) proporre un approccio differente nei confronti di questa materia, inserendola nei programmi didattici delle scuole di prima infanzia, per aiutare i bambini a sviluppare un senso critico e riflessivo che possa fare da preludio alla costruzione di una vera e propria individualità. Questo lavoro quindi ha come proposta quella di vedere la filosofia come un giusto mezzo educativo per produrre un miglioramento significativo del pensiero e delle complessità che lo caratterizzano sin dalla tenera età. Sicuramente, insegnare ai bambini a riflettere non è materia semplice, ma è ancora più difficile farlo se gli insegnanti, piuttosto che aiutarli a sviluppare la riflessività, li educano sostanzialmente ad imparare senza ragionare e senza esprimere opinioni in merito all’argomento trattato. Fare filosofia con i bambini significa ascoltarli, accogliere le loro perplessità, i loro “perché” cercando di riflettere sulle loro domande in modo collettivo per formulare nuove risposte e dargli un senso. Ciò permetterebbe ai bambini di costruirsi delle basi solide non derivanti da preconcetti ma da loro stessi, dai loro dubbi e dalla loro capacità di filosofare in modo intuitivo e naturale, aiutandoli ad irrobustire il proprio pensiero e a capire che nella vita ciò che conta non è ciò che gli altri vogliono far credere, ma ciò che ognuno crede sulla base delle proprie esperienze e del proprio modo di pensare. Attraverso la consultazione di alcuni testi filosofici ho voluto incentrare la mia attenzione sul fatto che sia compito, non solo delle famiglie, ma soprattutto della scuola, dare ai bambini l’opportunità di fare ricerca

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Manuela Durinzi Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 46 click dal 21/06/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.