Skip to content

La lingua delle canzoni di Ligabue

Informazioni tesi

  Autore: Martina Di Pofi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Cassino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Giuseppe Antonelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

Il presente studio si occupa di analizzare linguisticamente i testi delle canzoni del rocker emiliano Luciano Ligabue. Prendendo in considerazione le tipologie di rime presenti, gli enjambements, le zeppe, le quasi-rime, le figure di suono, le dislocazioni a sinistra e destra, l'uso dei pronomi personali, il che polivalente, la presenza di turpiloqui e forestierismi, ecc... e prestando attenzione all'italiano del rock (di cui si sono analizzati la nascita e la conseguente evoluzione), ci si è focalizzati dapprima sul legame che da sempre unisce il cantante Ligabue all'attività della scrittura, per poi esaminare il rapporto che intercorre tra narrativa, poesia e cinema nella sua produzione artistica. Infine si sono analizzati nel dettaglio gli elementi lingustici sopra citati contenuti nelle sue canzoni, allo scopo di dimostrare quanto la lingua italiana ricopra da sempre un'importante valenza, anche nell'ambito cantautorale/musicale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO 1 – Ligabue e l’italiano del rock 1.1 Italiano della canzone e italiano del rock «Amo la radio perché arriva tra la gente, entra nelle case, ci parla direttamente», cantava nel 1976 Eugenio Finardi nella canzone La radio inneggiando ai testi duri e diretti: era il mito della lingua rock «volutamente rozza, aggressiva e trasgressiva», che «evitava qualunque virtuosismo in nome di una presunta spontaneità, istintiva e viscerale» 1 : «il grezzo è preferito al raffinato, l’immediatezza all’artificiosità» 2 e la lingua si presenta il più semplice e naturale possibile. La parola rock, nata in America per indicare il genere musicale che nasce dal country e dal rhythm and blues, comincia a circolare in Italia dalla metà degli anni Cinquanta - tanto da venire usata anche nei titoli di alcune canzoni (Il tuo bacio è come un rock, Adriano Celentano, 1959) -. Ma solo quindici anni più tardi il rock smette di ammiccare a una moda («c’è tanta gioventù / con i blu jeans / che balla il rock’n’roll» Adriano Celentano) e adotta suoni e comportamenti più aggressivi. Si definisce rock “progressivo” per la sua ricerca musicale ma continua ad essere “regressivo” nei testi a causa di alcune scelte linguistiche come le similitudini, il lessico e «il bagaglio di zeppe, di apocopi e di tronche imposte dalla musica a una lingua piana» 3 . È solo nella seconda metà degli anni Settanta che inizia a prendere forma una vera e propria lingua rock, la quale si contrappone alla tradizionale canzonetta sanremese e allo stile cantautorale, che costituivano la tradizione della musica leggera italiana, esprimendo aggressività e naturalezza al tempo stesso. Negli anni Ottanta e Novanta la tradizione del rock italiano è rappresentata da quattro importanti personalità: i cantanti Ligabue, Vasco Rossi e Gianna Nannini e il gruppo Litfiba che usano una certa violenza verbale («ieri ho sgozzato mio figlio / è stato uno sbaglio» Vasco Rossi, Ieri ho sg. mio figlio, 1981), fanno riferimento alle forze della 1 Giuseppe Antonelli, L’italiano nella società della comunicazione, Bologna, il Mulino, 2007, p. 125. 2 Antonelli, Ma cosa vuoi che sia una canzone (Mezzo secolo di italiano cantato), Bologna, il Mulino, 2010, p. 63. 3 Umberto Fiori, Scrivere con la voce. Canzone, rock e poesia, Milano, Unicopli, 2003, p. 65.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ligabue
rime sdrucciole e tronche
lingua delle canzoni
figure di suono in ligabue
italiano del rock
narrativa di ligabue
ligabue e lingua
lingua, turpiloqui e forestierismi in ligabue
analisi linguistica dei testi
lingua e dialetto nei testi di ligabue

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi