Skip to content

La legislazione anti-terrorismo nel Regno Unito tra sicurezza pubblica e tutela dei diritti umani

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Zaccagnino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni Internazionali
  Relatore: Giulia Caravale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

Il Terrorismo, oltre la guerra, rappresenta uno dei mezzi più violenti a disposizione degli uomini. Le prime testimonianze di comportamenti riconducibili al terrorismo risalgono al secolo I a.c., difatti, non esiste paese che non lo abbia conosciuto o ne sia stato vittima. Tale lavoro di tesi si pone l'obiettivo di tracciare un profilo storico di tale fenomeno, così da poterne cogliere tutti i caratteri distintivi. Nel contempo si pone lo scopo di individuare quali siano state le ragioni che hanno portato tale fenomeno ad assumere una dimensione transnazionale. Il simbolo di questa nuova dimensione è rappresentato dall'attentato del 2001 agli Stati Uniti d'America. In seguito a tale episodio, la risposta della Comunità internazionale e dei Paesi membri è stata immediata, attraverso l'adozione di misure volte a contrastare questa nuova minaccia e a garantire la cooperazione nella lotta al terrorismo. In tale contesto, si inseriscono le scelte politiche del Regno Unito, le cui misure in materia antiterrorismo sono state oggetto di dibatto sia nella giurisprudenza interna che in quella internazionale a causa della violazione di alcuni diritti. Dunque, oltre la minaccia del terrorismo si è profilato un ulteriore problema, ossia il dovere di garantire un giusto equilibrio tra le misure restrittive, per salvaguardare la sicurezza nazionale, e la tutela dei diritti umani. Il lavoro si è concentrato nell'analizzare le legislazioni antiterrorismo del Regno Unito a partire dal 1920, fino a giungere alle ultime misure restrittive del 2018.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Obiettivo della seguenti tesi è stato quello di comprendere la risposta degli Stati, nello specifico del Regno Unito, alla minaccia del terrorismo, i quali nell'adozione delle misure restrittive sono stati esortati a salvaguardare il precario equilibrio esistente tra le misure di sicurezza nazionale e la tutela dei diritti umani. Trattare il terrorismo significa analizzare un argomento vasto, per tale motivo ho ritenuto opportuno impostare il lavoro partendo da un inquadramento storico di tale fenomeno. Il lavoro è stato suddiviso in tre capitoli, rispettivamente origine ed evoluzione del terrorismo prima del nuovo millennio, la risposta del Regno Unito in seguito agli attentati del 2001 e, infine, l'evoluzione, fino ai giorni d'oggi, della giurisprudenza inglese in materia di terrorismo. Nel primo capitolo, per iniziare, mi è sembrato opportuno individuare quali fossero le radici del termine terrorismo. Terrorismo deriva dalla parola latina terrere che significa spaventare, impaurire. Tuttavia non vi sono testimonianze che in quel dato momento venisse utilizzato con lo stesso "significato" di terrorismo. Per quanto riguarda il momento preciso in cui si hanno le prime testimonianze di comportamenti riconducibili ad attività terroristiche queste risalgono al secolo I a.c., durante il periodo dei Zeloti. Tale popolo era riconosciuto per utilizzare normalmente la pratica dell'omicidio con il fine di cacciare lo straniero, percepito come nemico, dal proprio territorio. Tuttavia, il termine terrorismo, almeno per quanto riguarda l'Europa, compare per la prima volta, nel 1798, in un supplemento del Dictionnaire dell'Académie française, nell'accezione di terrore, con l'intento di indicare i metodi repressivi e gli abusi del governo rivoluzionario di Robespierre. Pertanto, il suo utilizzo non corrispondeva all'uso che ne facciamo oggi per riferirci ai movimenti clandestini le cui azioni sono rivolte alla destabilizzazione di un Stato e ad indurre timore nella popolazione. Il terrorismo trova un mutamento di significato e una nuova fase nel populismo russo in seguito l'assassinio dello zar Alessandro II. Difatti a partire dalla fine del XIX secolo con il termine terrorismo non viene più indicato il terrore di Stato, ma il terrore che deriva dalle azioni dei singoli e dai gruppi, di questi, rivolte per lo più contro le leadership. Insieme a tale mutamento vi è stato anche un cambiamento dei metodi di lotta, che si sono evoluti a pari passo con il progresso tecnologico. Difatti si è passati dall'assassinio di personalità importanti, ai dirottamenti di aerei con a bordo civili, fino ad attentati che coinvolgono le masse. Nel Primo capitolo, inoltre, mi sono soffermato nell'analizzare l'evoluzione del terrorismo dalla dimensione interna alla dimensione transnazionale. Nell'analizzare il terrorismo interno ho cercato di evidenziare la presenza delle diverse forme di terrorismo. Da subito ho esaminato il terrorismo nazionalista, i cui esempi sono l'ETA basca, l'IRA in Irlanda del Nord, l'Hindustan Socialist Republican Association in India e il 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

human rights
counter terrorism
united kingdom
terrorism act 2000
anti-terrorism, crime and security act 2001
investigatory powers act 2016
counter-terrorism and security act 2015
justice and security act 2013
terrorismo nel regno unito
terrorismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi