Skip to content

Geografia e paesaggio. La Sirena di Tomasi di Lampedusa.

Informazioni tesi

  Autore: Antonina D'Alcamo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Vincenzo Guarrasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

La dissertazione vuol essere uno studio, una meditazione sul concetto e sull'idea di paesaggio, e un'applicazione pratica di questo studio, attraverso un tentativo di analisi, a livello paesaggistico, del racconto La Sirena di Tomasi di Lampedusa.

Un paesaggio che non è solo irredimibile o violento, come spesso si è detto, ma che sa conservare nascosto il suo più intimo significato: l'armonia contrapposta, l'immediata realtà delle cose, il ritmo delle forme spaziali, l'equilibrio tra luce e ombra.
La ricerca qui presentata si articola in due parti: la prima tenta di comprendere il significato e il valore del paesaggio come categoria classificatoria, vale a dire come concetto che orienta e caratterizza, nel campo della sensibilità umana, molteplici e complesse riflessioni sul vario e mutevole atteggiarsi della natura che ci circonda, e sulle sue trasfigurazioni nell'arte e nella letteratura.

A partire dall'esperienza sensoriale, il paesaggio si compone in un disegno di conoscenza, apre ad un campo poetico. Se da una parte infatti non è pensabile una geografia senza paesaggi, parimenti è indiscutibile che lo spazio letterario assuma i caratteri del paesaggio. Proprio partendo dall'ipotesi che il linguaggio letterario e quello geografico esprimono una valenza metaforica, ci chiederemo (nella seconda parte di questo lavoro) sino a che punto una sfida sulla natura dei "propri" paesaggi avrebbe condotto i geografi e gli scrittori a superare i limiti del proprio mestiere, entrando gli uni nel campo degli altri, alla ricerca di un punto di indifferenza che spieghi la forza creativa e persuasiva del paesaggio.

Per questo, inclinando probabilmente verso le nostre origini, abbiamo voluto aggettivare il paesaggio che proponevamo alla riflessione, nel rispetto di quella soggettività che è parte fondamentale della scrittura letteraria. Abbiamo quindi riflettuto sul paesaggio siciliano, e non solo, quale si "costituisce" nel racconto Lighea di Tomasi di Lampedusa.

L'analisi in ogni caso non sarà "diretta", affrontando in maniera del tutto esclusiva la trattazione del paesaggio siciliano, ma prenderà in considerazione l'intero svolgimento del racconto, soffermandosi pertanto anche sui significati chiaroscurali,sui focus descrittivi, sul gioco interno/esterno, e diciamo pure sulle inquadrature "cinematografiche" che il testo stesso propone sin dal suo primo svolgersi. Probabilmente tutte attenzioni ad aspetti non paesaggistici, o comunque non relativi solo al paesaggio siciliano, bensì anche torinese, ma che acquistano significato e spessore solo in relazione a quella "rivelazione" finale: «[…] mi diceva che anche queste erano fatue apparenze e che la verità era ben più in fondo, nel cieco muto palazzo di acque informi, eterne, senza bagliori, senza sussurri».

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione La presente dissertazione vuol essere uno studio, una meditazione sul concetto e sull‟idea di paesaggio, e un‟applicazione pratica di questo studio, attraverso un tentativo di analisi, a livello paesaggistico, del racconto La Sirena di Tomasi di Lampedusa. Un tentativo forse legato ad uno sforzo inutile, quello di scoprire, e far scoprire, l‟incanto offerto dalla natura e quindi dal paesaggio siciliano. Un paesaggio che non è solo irredimibile o violento, come spesso si è detto, ma che sa conservare nascosto il suo più intimo significato: l‟armonia contrapposta, l‟immediata realtà delle cose, il ritmo delle forme spaziali, l‟equilibrio tra luce e ombra. La ricerca qui presentata si articola in due parti: la prima tenta di comprendere il significato e il valore del paesaggio come categoria classificatoria, vale a dire come concetto che orienta e caratterizza, nel campo della sensibilità umana, molteplici e complesse riflessioni sul vario e mutevole atteggiarsi della natura che ci circonda, e sulle sue trasfigurazioni nell‟arte e nella letteratura 1 . A partire dall‟esperienza sensoriale, il paesaggio si compone in un disegno di conoscenza, apre ad un campo noetico: la categoria del paesaggio misura infatti dei rapporti che presiedono ai nostri giudizi nel campo della sensibilità, e nel contempo mira a rivelare la natura stessa degli oggetti e dei fenomeni, ponendosi tra l‟intenzione e la natura intima del mondo. Esso esprime allora una reazione sentimentale e allo stesso tempo un‟esigenza di astrazione, è una disposizione obiettiva, un aspetto interno alle opere creative che riproducono le forme della bellezza naturale. In ciò il paesaggio si fa strumento della filosofia, e interagisce, nel suo essere risultato del gusto, con i processi instaurati dall‟arte: può essere letto, in altre parole, come un ethos affettivo. Ma procediamo con ordine: che cos‟è il paesaggio? Come sottolinea Bertone «paesaggio è parola solo moderna, borghese, colta, scaturita come getto di fonte a lungo compressa nella buie viscere della terra, nel cuore dell‟Europa: olandese Landskap (fine XV secolo), poi il tedesco Landschaft; inglese landscape, e, in terra 1 Cfr. R. Milani, L’arte del paesaggio, Bologna, Il Mulino, 2001, p. 7; e, per un discorso più generale sullo stesso tema E. Turri, Antropologia del paesaggio, Milano, Comunità, 1974

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

paesaggio
sirena
ambito paesaggistico
geografia e paesaggio
tomasi di lampedusa la sirena
arte del paesaggio
categoria di paesaggio
paesaggio siciliano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi