Skip to content

Le immagini ed il diritto d'autore sul web

Informazioni tesi

  Autore: Salvatore D'Angelo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Emilio Tucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 192

Oggetto del presente lavoro è l’analisi dell’impatto che il web in particolare, e le tecnologie informatiche più in generale, hanno avuto su diversi istituti “classici”: il diritto d’autore e la privacy, innanzitutto.
In una prima parte dell’elaborato verrà analizzata l’evoluzione giuridica che il diffondersi del web ha imposto alla tutela autoriale.
In particolare, prendendo le mosse da una breve analisi di quello che è il diritto d’autore secondo la dottrina e la giurisprudenza “classica”, si procederà ad analizzare nel dettaglio una sorta di diritto d’autore 2.0 – sempre con specifico riferimento all’uso delle immagini – e le possibili modalità di violazione dello stesso, attraverso l’uso incontrollato della rete.
Un ruolo essenziale nella tutela autoriale è esercitato dagli Internet Service Provider che, grazie al d. lgs. 70 del 2003, hanno conosciuto una specifica classificazione dal punto di vista sistematico e dei loro obblighi: saranno quindi analizzate le varie attività che un ISP potrà svolgere nella Rete e le connesse responsabilità.
In una seconda parte del lavoro, il focus si concentrerà ancora di più nello specifico sulle immagini fotografiche e la loro tutela autoriale attraverso il web. Da questo punto di vista, sono molteplici i problemi che l’esperienza giuridica degli ultimi anni ha dovuto affrontare. Innanzitutto, sarà oggetto di analisi la fotografia nel diritto d’autore, così come tradizionalmente è stata elaborata dalla dottrina e dalla giurisprudenza, con un occhio di riguardo al delicato tema del “carattere creativo” della stessa e alla conseguente distinzione tra le “opere fotografiche”, meritevoli di tutela autoriale piena, e le fotografie semplici o documentali.
Ma, soprattutto, ci si concentrerà in modo specifico sul tema della fotografia digitale, che nell’ambito del diritto d’autore pone problemi di particolare rilevanza.
A questo punto, si arriverà al nodo centrale della problematica di cui si tratta, vale a dire l’analisi degli effetti giuridici del download delle immagini dal web e l’utilizzo dell’opera fotografica altrui. A tal proposito, sarà trattata la sentenza del Tribunale di Roma n. 12076/15, che per la prima volta ha condannato un quotidiano nazionale – Il Messaggero – a seguito della pubblicazione di immagini fotografiche tratte, senza autorizzazione, dal profilo Facebook di un utente (autore degli scatti). Pratica, purtroppo, comune e spesso realizzata da professionisti del settore – come nel caso succitato – senza particolari conseguenze sul piano sanzionatorio.
Quando si parla di immagini nell’ambito delle reti telematiche, però, il pensiero non può andare alla sola tutela autoriale ma sarà opportuno un riferimento ulteriore al “diritto all’immagine”, messo a dura prova dal contesto tecnologico attuale. Basti pensare all’impatto che i social network hanno su due temi di fondamentale importanza e strettamente connessi all’uso distorto che, sempre più spesso, viene fatto dell’immagine personale: la privacy e la tutela della web reputation.
Da questo punto di vista, nel presente elaborato ci si concentrerà sull’analisi del diritto all’immagine nel web e sugli obblighi informativi dei provider, oltre che sulla necessità di educare gli utenti ad un uso consapevole della propria immagine nella rete.
Ma, soprattutto, si prenderà in considerazione il caso in cui si configuri la responsabilità di un social network per la mancata rimozione di un’immagine illecita: sul punto, in particolare, sarà oggetto di analisi la famosa ordinanza del Tribunale di Napoli Nord del 2016, sul tristemente noto “caso Tiziana Cantone”, a dimostrazione di quanto le immagini, carpite attraverso la rete, possano avere un impatto devastante sulla riservatezza degli individui.
Ultima parte del presente elaborato sarà, poi, dedicata all’approfondimento di un tema strettamente connesso alla privacy, alla tutela autoriale e alla web reputation, che non a caso è emerso anche nel succitato caso Cantone: il diritto all’oblio.
In definitiva, sempre in tema di diritto all’oblio, sarà poi approfondito il recente Regolamento UE 2016/679 che, per la prima volta, prevede la comparsa del suddetto diritto in un testo normativo scritto, seppur – come sarà evidenziato – con un contenuto minimo, deludente e che necessiterà di ulteriori specificazioni in futuro da parte del legislatore europeo e non solo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 PREMESSA Il diritto e, più in generale, le Scienze Giuridiche da sempre rappresentano quel complesso di norme e studi che non possono prescindere dall’osservazione dello spaccato sociale che una determinata epoca storica presenta. Se fino a pochi lustri orsono il giurista poteva condurre i propri studi limitandosi a quelle che erano le categorie tradizionali del diritto moderno venute alla luce dopo tante difficoltà lungo tutto il secolo ‘900, da qualche anno non può fare a meno di aggiornare il suo bagaglio culturale di conoscenze – non solo giuridiche – per poter meglio adattare gli istituti e gli strumenti classici al nuovo contesto sociale, talvolta rielaborandoli dalle fondamenta. Il diritto è ormai profondamente influenzato dallo sviluppo delle tecnologie informatiche, di conseguenza anche il ruolo del giurista è profondamente mutato negli ultimi anni. Un esempio eclatante di quanto detto è quello del copyright e delle immagini sul web: oggi, con pochissimi click, è possibile immettere un’immagine nella rete con profondissime conseguenze su diversi piani giuridici. Innanzitutto quando ci si riferisce al termine “immagini”, nel contesto digitale, il pensiero deve andare alla sua accezione nel senso più ampio possibile: si pensi alle fotografie in primis, ma anche alle creazioni cinematografiche oppure agli eventi live e quindi al fenomeno dello

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

web-reputation
immagini, tutela copyright,
isp, internet service provider
tiziana cantone
social network diritto
privacy, diritto all'immagine,
copyright, diritto d'autore 2.0
regolamento ue 2016/679, d. lgs. 70/2003
fotografia digitale giurisprudenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi