Applicazioni cosmetiche dei componenti della Cannabis sativa

Tesi di laurea sulla Cannabis sativa e sulle applicazioni del suo olio di semi e del suo olio essenziale - entrambi dotati di "stupefacenti" proprietà - nel settore della cosmesi green, naturale ed eco-compatibile.

Il tutto preceduto da una ricca introduzione su tassonomia, morfologia, componenti, coltivazione, storia, legislazione e potenziali applicazioni della pianta più discussa del momento. Infine, a chiudere l'elaborato, una carrellata di aziende italiane da cui è possibile reperire svariati prodotti cosmetici per il trattamento di viso, corpo e capelli.

Mostra/Nascondi contenuto.
––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––– 5 Applicazioni cosmetiche dei componenti della Cannabis sativa L. 1.1 Tassonomia La tassonomia ufficiale identifica la Cannabis nella piccola famiglia delle Cannabaceae (anche Cannabinaceae o Cannabidaceae), insieme solo al luppolo o Humulus – appartenente all’ordine delle Urticales. Si tratta di una pianta arbustiva inclusa nella classe delle Angiosperme – la cui classificazione è stata nel tempo piuttosto articolata e oggetto di numerose controversie. Figura 1. Tassonomia della Cannabis. Cannabis e danni alla salute - Aspetti tossicologici, neuropsichici, medici, sociali e linee di indiritto per la prevenzione e il trattamento. Serpelloni G; Diana M; Gomma M; Rimondo C. Dipartimento Politiche Antidroga. 20 gennaio 2011. Capitolo 3 Il primo ad adottare il termine “sativa” fu il botanico tedesco Leonardt Fuchs nel 1542, mentre fu Carlo Linneo (1770-1778) nel 1723 ad introdurre nella sua pubblicazione “Species Plantarum” questo genere a pieni diritti nella moderna nomenclatura botanica: egli lo considerava composto da una singola specie indivisa, la Cannabis sativa L. Successivamente, nel 1785, Jean-Baptiste Lamarck (1744-1829) avanzò una tesi secondo la quale i ceppi provenienti dall’India si differenziavano da quelli

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Farmacia

Autore: Eleonora Cominelli Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 41 click dal 12/09/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.