Skip to content

Le Royaume de la politesse: l'identité des femmes à la période des Lumières et de la culture salonnière

Informazioni tesi

  Autore: Greta Bussi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Gerardo Tocchini
  Lingua: Francese
  Num. pagine: 43

Notre travail cherche à définir la question identitaire de la femme à la période des Lumières et de la culture salonnière, à travers l’analyse de trois oeuvres mettant en évidence les pensées et les interprétations qui concernent l’âge du XVIII siècle, selon une approche comparée. Il concerne donc l’individuation du rôle et de la figure de la femme, notamment la salonnière, à l’intérieur des mécanismes de la domination masculine, en portant notre attention sur les rapports de la sociabilité mondaine et sur la figure émergente de la maîtresse des salons. Mon intention était celle de montrer la réelle importance des femmes et leur contribution à l’âge des Lumières, en mettant en évidence les lieux dans lesquels la discussion philosophique prenait vie c’est-à-dire les salons, qui étaient précisément dirigés par des femmes.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduction Le but de notre travail est celui de décrire le monde des salons du XVIII siècle, son organisation, ses dynamiques et le rôle que les femmes ont joué, en analysant les différentes perspectives et interprétations présentées dans les œuvres de trois auteurs, c’est-à-dire: “Le monde des salons: sociabilité et mondanité à Paris au XVIII siècle” de Antoine Lilti (2005), “The Republic of Letters: a cultural history of the French Enlightenment”de Dena Goodman (1994) et le célèbre “Essai sur le caractère, les mœurs et l’esprit des femmes dans les différents siècles” de Antoine-Léonard Thomas (1772). Nous allons étudier la spécificité des salons du XVIII siècle et tous les mécanismes qui s’enchaînaient. Il s’agit en effet d’un puissant réseau social dirigé par des femmes, les salonnières. La figure de la maîtresse de salon divise les auteurs, notamment Antoine Lilti et Dena Goodman, tandis que Thomas nous donne une description générale des femmes, en analysant leur changement dans les différents siècles et surtout leur nature qui, à son avis, les différentie des hommes. Pour commencer on analysera l’intérieur des salons parisiens grâce à l’œuvre de Lilti. Même si une définition claire et univoque de salon est difficile à donner, Lilti nous présente avec minutie ce monde dans lequel la sociabilité mondaine prenait vie. Les maîtresses organisaient plusieurs activités axées sur le divertissement et le salon nous est représenté dans sa dimension relationnelle. Le but de ces rencontres était celui d’échapper à l’ennui et tout se déroulait selon les règles de la politesse, grâce à la présence d’une femme qui assurait l’harmonie entre les membres du salon. Dans le paragraphe "Libertinage, conversation et science : trois visages du divertissement" on étudiera en détail les activités du salon, parmi lesquelles le théâtre, les jeux des cartes, la musique et l’activité la plus importante c’est-à-dire la conversation, plaisir grâce auquel les hommes de lettres mettaient en œuvre l’art de la politesse. De plus, la science était une autre source de divertissement, sous la forme de représentation spectaculaire. On termine le chapitre en étudiant la relation entre la littérature libertine et le monde

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi