Skip to content

Accelerazioni degli equipaggiamenti soggetti a vibrazioni random

Informazioni tesi

  Autore: Massimiliano Cotterchio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Aerospaziale
  Relatore: Romualdo Ruotolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 214

L’argomento che s’intende trattare nel presente lavoro, riguarda le accelerazioni che agiscono sugli elementi soggetti a vibrazioni random. In particolare si farà riferimento a quei particolari elementi che costituiscono gli equipaggiamenti dei moduli della stazione orbitante internazionale ISS progettati e costruiti dall’Alenia Aerospazio.
Questi moduli hanno forma pressoché cilindrica e vengono posti in orbita attraverso l’utilizzo di alcuni lanciatori, primo fra tutti lo Space Shuttle.
Durante le varie fasi del volo, gli elementi che costituiscono il modulo sono soggetti a svariate fonti di sollecitazione: vibrazioni di tipo aleatorio, enormi pressioni acustiche e shock derivanti dalle esplosioni utilizzate per la separazione delle parti del lanciatore. Tutte queste sollecitazioni si trasmettono attraverso le strutture e le sottopongono sia a stress di tipo statico sia a fenomeni di fatica.
L’insieme delle strutture che compongono il modulo costituisce un sistema dinamico in grado sia di attenuare le suddette sollecitazioni sia di amplificarle. Il risultato, che effettivamente si otterrà, deriva dalla configurazione e dalle caratteristiche dinamiche delle strutture stesse. La risposta dinamica effettiva discende dalla configurazione e dalle caratteristiche dinamiche delle strutture stesse.
A questo punto inizia ad apparire chiaro il primo problema da affrontare: la configurazione e le caratteristiche dinamiche delle strutture influenzano le sollecitazioni che esse subiscono ma, allo stesso tempo, gli stress condizionano la geometria ed i materiali del sistema. Ne consegue che per compiere una progettazione volta ad ottimizzare al meglio le caratteristiche di massa e di rigidezza del sistema è necessario svolgere alcune interazioni.
E’ evidente la necessità di riuscire ad ottenere la migliore stima possibile delle sollecitazioni durante le fasi preliminari del progetto: in questa maniera si sarà in grado di ridurre il numero di loop necessari alla definizione del progetto finale.
La stima preliminare delle sollecitazioni agenti sulle strutture di un modulo spaziale è tutt’altro che semplice ed immediata. Le difficoltà nascono a seguito dell’elevata complessità delle configurazioni strutturali con cui si ha a che fare e dalle svariate e complesse situazioni di carico da fronteggiare.
Nell’ambito di questo lavoro si sono considerate le sole sollecitazioni derivanti dalle vibrazioni di tipo random: queste discendono dalla trasmissione delle vibrazioni originate da fenomeni acustici, aerodinamici e meccanici.
La combinazione di questi effetti genera il cosiddetto ambiente d’esercizio delle strutture. La determinazione dell’ambiente d’esercizio è un compito alquanto complicato poiché sono notevoli le difficoltà nel ricreare al suolo le condizioni di volo del lanciatore in modo tale da poter misurare i livelli di vibrazione presenti. Questa procedura si compie in rarissimi casi, mentre, solitamente, si procede alla determinazione degli ambienti d’esercizio basandosi sui dati disponibili dalle passate missioni ed elaborandoli per adattarli a quella considerata. In questo modo si ottengono gli ambienti d’esercizio unicamente per un numero limitato di posizioni del modulo, le quali, solitamente, corrispondono alle zone d’interfaccia fra la struttura primaria e quelle secondarie del modulo. Le strutture secondarie non sono altro che dei sistemi progettati in maniera tale da fornire l’ubicazione degli equipaggiamenti necessari al funzionamento del modulo stesso.
Noto l’ambiente d’esercizio all’interfaccia fra la struttura primaria e quella secondaria del modulo è necessario risalire alla conoscenza delle sollecitazioni che quest’ultima trasmette al singolo equipaggiamento. Questo può essere compiuto attraverso metodologie d’analisi agli elementi finiti, ma ciò comporterebbe dei tempi d’esecuzione notevolissimi e quindi, questa strada è solitamente scartata. Inoltre, l’accuratezza del calcolo dipende dalla conoscenza del modello geometrico utilizzato nell’esecuzione dell’analisi agli elementi finiti, il quale non è per nulla ben definito nelle prime fasi della progettazione poiché dipende esso stesso dalle accelerazioni agenti sugli equipaggiamenti.
Nel presente lavoro si cercherà di mostrare i possibili metodi di stima delle accelerazioni, passati e presenti, che possono essere utilizzati nelle fasi preliminari del progetto. Come si vedrà in seguito, data la complessità del problema, quasi sempre si attuano delle semplificazioni più o meno spinte al fine di raggiungere il risultato prefissato. In molti casi, oltre alle semplificazioni apportate, si farà largo uso di concetti semi-empirici basati essenzialmente sull’esperienza, maturata negli anni, dai progettisti dei moduli spaziali.
In particolare, una porzione ragguardevole dell’elaborato, tratta la definizione e la verifica della metodologia di stima delle accelerazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Accelerazioni Degli Equipaggiamenti Soggetti a Vibrazioni Random 3 PREFAZIONE L’argomento che s’intende trattare nel presente lavoro, riguarda le accelerazioni che agiscono sugli elementi soggetti a vibrazioni random. In particolare si farà riferimento a quei particolari elementi che costituiscono gli equipaggiamenti dei moduli della stazione orbitante internazionale ISS progettati e costruiti dall’Alenia Aerospazio. Questi moduli hanno forma pressoché cilindrica e vengono posti in orbita attraverso l’utilizzo di alcuni lanciatori, primo fra tutti lo Space Shuttle. Durante le varie fasi del volo, gli elementi che costituiscono il modulo sono soggetti a svariate fonti di sollecitazione: vibrazioni di tipo aleatorio, enormi pressioni acustiche e shock derivanti dalle esplosioni utilizzate per la separazione delle parti del lanciatore. Tutte queste sollecitazioni si trasmettono attraverso le strutture e le sottopongono sia a stress di tipo statico sia a fenomeni di fatica. L’insieme delle strutture che compongono il modulo costituisce un sistema dinamico in grado sia di attenuare le suddette sollecitazioni sia di amplificarle. Il risultato, che effettivamente si otterrà, deriva dalla configurazione e dalle caratteristiche dinamiche delle strutture stesse. La risposta dinamica effettiva discende dalla configurazione e dalle caratteristiche dinamiche delle strutture stesse. A questo punto inizia ad apparire chiaro il primo problema da affrontare: la configurazione e le caratteristiche dinamiche delle strutture influenzano le sollecitazioni che esse subiscono ma, allo stesso tempo, gli stress condizionano la geometria ed i materiali del sistema. Ne consegue che per compiere una progettazione volta ad ottimizzare al meglio le caratteristiche di massa e di rigidezza del sistema è necessario svolgere alcune interazioni. E’ evidente la necessità di riuscire ad ottenere la migliore stima possibile delle sollecitazioni durante le fasi preliminari del progetto: in questa maniera si sarà in grado di ridurre il numero di loop necessari alla definizione del progetto finale. La stima preliminare delle sollecitazioni agenti sulle strutture di un modulo spaziale è tutt’altro che semplice ed immediata. Le difficoltà nascono a seguito dell’elevata complessità delle configurazioni strutturali con cui si ha a che fare e dalle svariate e complesse situazioni di carico da fronteggiare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi modale
international space station
power spectral density
shuttle
single degree of freedom
vibrazioni
moduli spaziali
vibrazioni random
equipaggiamenti spaziali
ambienti d'esercizio
strutture aerospaziali
strutture aeronautiche
stima delle accelerazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi