Skip to content

Baliani, Paolini, Curino: il racconto in televisione

Informazioni tesi

  Autore: Cecilia Padula
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Gioia Ottaviani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 252

Questa tesi si propone di evidenziare le esperienze di autori-attori-registi considerati una “felicissima nicchia” del nostro teatro. Marco Baliani, Marco Paolini e Laura Curino rappresentano una tendenza della drammaturgia italiana, tutta incentrata sul racconto e sulla possibilità di portare la cultura in televisione senza parlare di cultura televisiva.
In tre spettacoli teatrali costruiti in occasione di eventi speciali per la televisione: “Vajont” di Paolini, “Olivetti” di Curino e “Corpo di Stato” Baliani, si riscopre il piacere e la necessità di raccontare delle storie e condividerle, utilizzando il mezzo televisivo come uno strumento di diffusione “popolare”.
Come cantastorie del Duemila questi attori monologanti acquistano una nuova autorevolezza proprio mettendo in atto una strategia radicata negli esseri umani: la necessità di scambiare esperienze, narrare e commentare i fatti e tramandare memoria.
Quando l’analfabetismo era pressoché universale, il teatro aveva come unico concorrente per la trasmissione del sapere, la narrazione del cantastorie. Da quando il cinema i fumetti e la televisione hanno preso il sopravvento sulla forma espressiva che realizza mimicamente la narrazione, il teatro ha provato a ristabilire un proprio radicamento nella comunità attraverso varie forme creando figure che richiamano in modo esplicito proprio il cantastorie. Tutto sembra far pensare che oggi si stia partecipando ad un ritorno in forza dell’oralità, eterna depositaria della tradizione e della memoria storica che, nell’era dei media, è stata meglio definita: seconda oralità elettronica.
Il teatro preso in analisi, il “teatro di narrazione” permette di rilevare un’interazione significativa tra due sistemi di comunicazione diretta: la televisione e il racconto orale
Gli argomenti affrontati si adattano all’involucro attraverso cui vengono trasmessi senza perdere la loro identità originaria anzi, l’appartenenza ad una realtà extra-televisiva fa sì che si comunichi l’eterogeneo, il vario, i saperi e le conoscenze indipendenti e autonome dal mezzo. Questi autori-attori teatrali intendono rivendicare la necessità di riappropriarsi di una memoria dei fatti di cultura, isolati dalla cultura stessa. Attraverso la forma del racconto, si genera un “atto politico” nel senso che l’idea che tutti possano partecipare, capire e godere delle storie (come dell’arte e dello spettacolo) rappresenta un obiettivo “popolare” e quindi di politica culturale.
La prima parte del lavoro ripercorre lo sviluppo della comunicazione in concomitanza con gli studi di Walter Ong secondo cui: “i principali sviluppi e probabilmente ogni tipo di sviluppo di grossa portata, nel campo della cultura e della conoscenza sono legati, spesso da rapporti strettissimi, all’evoluzione della parola dall’oralità primaria al suo stato attuale”. Nella seconda parte, attraverso l’analisi delle tre performance di Baliani, Paolini e Curino, si sottolinea come le tecniche della narrazione pubblica coniughino un modo di stare in scena (il lavoro sui personaggi, i ritmi dello spettacolo e l’uso dei documenti) ad una forma espressiva detta “seconda oralità elettronica” che in qualche modo restituisce al teatro l’originaria funzione comunitaria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Di fronte al cinema e alla televisione il Teatro non poteva che scomparire o riscoprire se stesso, ma non sul piano del linguaggio, bensì su quello della funzione sociale (Cesare Molinari, Teatro) CONSIDERAZIONI GENERALI Il teatro, pur fra i diversi procedimenti creativi, che coinvolgono ora l’attore ora il drammaturgo, non ha mai abbandonato del tutto una delle sue ragioni originarie: raccontare storie. Questo perché, nonostante la trasformazione delle forme culturali, che si adattano nel tempo, come spiega Lombardi Satriani, “il desi- derio di narrare e di commentare i fatti non potrà mai venire meno. Indubbiamente i giornali e la televisione hanno ridotto gli spazi, ma non va sottovalutato l’impatto umano di una storia narrata oralmen- te” 1 . Coniugando drammaturgia e presenza scenica nella figura del narratore, figura mai estinta e tuttavia marginale nella tradizione teatrale, il genere che potremmo definire “teatro di narrazione” ha raccolto l’eredità delle forme drammatiche tradizionali conservandone il nucleo più profondo: la ‘fabula’, la ‘storia’. Generata da un tentativo di soluzione alla crisi del dramma moder- no 2 , la figura del narratore-performer si pone in rapporto dialettico con il reale e assume le funzioni che furono del dramma e della 1 M. Collura, “C’era una volta il Cantastorie”, Corriere della sera,11.10.1999, p.25.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cantastorie
teatro
televisione
laura curino
teatro di narrazione
marco baliani
marco paolini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi