Skip to content

Le preoccupazioni ossessive nelle relazioni amorose: uno studio preliminare sulle proprietà psicometriche del Partner Related Obsessive Compulsive Symptom Inventory (PROCSI) e del Relationship Obsessive Compulsive Inventory (ROCI)

Informazioni tesi

  Autore: Antonia Vanessa Bottiglieri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica e della Salute e Neuropsicologia
  Relatore: Davide Dèttore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

Nel seguente lavoro vengono esplorate le proprietà psicometriche dei due strumenti che identificano i domini del Disturbo Ossessivo Compulsivo da Relazione (Relationship Obsessive Compulsive Disorder, ROCD): il PROCSI (Partner Related Obsessive Compulsive Inventory) che misura il dominio partner focused e il ROCI (Relationship Obsessive Compulsive Inventory) che misura il dominio relationship centered. Il ROCD si manifesta con dubbi ossessivi e preoccupazioni riguardanti le relazioni e con atteggiamenti compulsivi che emergono per alleviare l’angoscia associata al contenuto di questi dubbi.
Oltre ad offrire una panoramica sulla validità statistica di tali strumenti attraverso l’Analisi Fattoriale Esplorativa (AFE) e l’attendibilità (Alpha di Cronbach), nel presente lavoro condotto su un campione non clinico di 239 soggetti è stata verificata la validità convergente tra le dimensioni del ROCD e i sintomi del Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC) tramite le correlazioni tra i due strumenti e l’OBQ-46 e l’OCI-R, ed è stata analizzata l’associazione tra le preoccupazioni incentrate sul partner e sulla relazione e le dimensioni dei tratti di personalità descritte dal DSM-5 tramite correlazioni ottenute con il PID-5.
I risultati confermano la presenza di correlazioni tra le due dimensioni del ROCD e alcuni sintomi caratteristici del DOC. Per quanto riguarda le associazioni con i tratti patologici della personalità descritti dal DSM-5, correlazioni deboli/moderate sono state riscontrate tra la preoccupazione sulle caratteristiche del partner e i domini Affettività negativa, Distacco, Antagonismo e Psicoticismo e tra la preoccupazione sull’adeguatezza della relazione e i domini Affettività Negativa e Psicoticismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
34 2.3.3 ROCD e attaccamento Nel suoi studi Bowlby (1973, 1982) ha suggerito che, durante l’infanzia, le interazioni con i caregiver di riferimento ("figure d’attaccamento”) sono interiorizzate sotto forma di raffigurazioni mentali di sé e degli altri (Modello Operativo Interno). Quando le figure affettive sono assenti, disponibili incoerentemente o respinte nel momento del bisogno, il senso di sicurezza affettiva, il senso che il mondo sia solitamente un luogo sicuro, il senso che gli altri sono d’aiuto quando richiesto ed è possibile esplorare l’ambiente curiosamente e con fiducia, è indebolito e si sviluppano modelli negativi di sé e degli altri. Tali modelli aumentano la probabilità di dubbi relativi a sé e difficoltà emotive (Mikulincer & Shaver,2007). Durante l’infanzia le principali figure affettive di riferimento sono i genitori. In età adulta, tuttavia, i partner prendono il posto dei genitori come principali figure affettive. Diverse ricerche hanno sostenuto una raffigurazione a due dimensioni delle differenze dell’individuo nelle insicurezze affettive in età adulta, organizzate attorno a due dimensioni ortogonali di ansia ed evitamento (Brennan, Clark, & Shaver, 1998; Mikulincer & Shaver,2007). L’attaccamento ansioso include preoccupazioni riguardanti la disponibilità del partner di rispondere adeguatamente nel momento del bisogno, e l’adozione di strategie di “iperattivazione” affettiva (per esempio: comportamento energico, ricerche insistenti di cura, eccessive richieste di supporto e amore da parte delle figure affettive) come mezzo di regolazione dell’angoscia. L’attaccamento evitante implica la non fiducia nel partner e una continua lotta per mantenere il distacco

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

roci
rocd
doc da relazione
procsi
guy doron

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi