Skip to content

Progetto per i costumi de Il Dottor Faust di Christopher Marlowe

Informazioni tesi

  Autore: Letizia Parlanti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Progettazione e Arti Applicate
  Relatore: Zaira De Vincentiis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

La mia tesi si svolge in due parti distinte: nella prima analizzo il teatro elisabettiano a partire dall'edificio della Playhouse al funzionamento delle compagnie teatrali. Introduco poi il personaggio di Christopher Marlowe, descrivendo in modo dettagliato la sua vita, le sue opere, la sua morte e le speculazioni - o teorie visionarie - da essa derivate. Mi soffermo in particolar modo sul testo del Dottor Faust e sul personaggio dell'alchimista nella storia: a partire dalla più antica traccia reperita nella letteratura dell'uomo che vendette l'anima al diavolo in cambio di favori e privilegi, percorro le tappe di questa figura che si ripete con tutte le sue varianti e accezioni fino ai giorni nostri, transitando per Simon Mago e Goethe.
La seconda parte è un analisi dei costumi cinquecenteschi tramite l'osservazione di dipinti e incisioni d'epoca che offrano un panorama di riferimenti iconografici esplicativi in merito alle varie classi sociali, creature e figure religiose citate nell'opera.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L'oggetto del mio lavoro è l'elaborazione dei costumi per La tragica storia del Dottor Faust di Christopher Marlowe. A differenza dei testi di alcuni suoi contemporanei quelli del Marlowe fanno parte di un panorama meno battuto e, nonostante ci siano già state pro- duzioni in prosa, in versi e in musica di questa tragedia, vi si trova un margine di lavoro più ampio. Ispirata dalla pubblicazione di Faustbuch (1587), una raccolta di storie in me- rito a un presunto mago contemporaneo di Martin Lutero, appena una decina di anni più tardi avremo la prima rappresentazione documentata del dramma di C. Marlowe. Oltre duecento anni dopo anche Goethe ci fornì la sua inter- pretazione della storia, modificando il finale e permettendo al mago di riunirsi a Dio tramite la redenzione. Ultimo ma non ultimo, cinquant’anni dopo il filo- sofo tedesco, Charles Gounod musicò la storia dell’infelice alchimista che ebbe un pugno di mosche in cambio della dannazione eterna. Il mito del Dottor Faust è stato spesso messo in scena con costumi attinenti alla moda Elisabettiana, fino a che lo stile contemporaneo non si è fatto spazio anche in questa pietra miliare della tradizione teatrale: ne vediamo un esempio nel Doctor Faustus andato in scena nel 2016 al Duke of York's Theatre di Londra con il tormentato protagonista in jeans e felpa che condivide il palco con de- moni in canottiera e boxer di cotone bianco. Ma se per almeno quattro secoli si sono susseguiti sui palchi personaggi vestiti nello stile d’epoca e al giorno d’oggi si presentano alchimisti e demoni con un look casual, cosa resta da esplorare? Il mio obbiettivo è creare una rosa di personaggi ben integrati e a cavallo tra antico e moderno: la schiera degli umani veste panni cinquecenteschi con la gamma di colori propria del tempo, mentre con tecniche più moderne posso dare vita a fantasie e incubi che trovano sfogo nei personaggi del soprannatu- rale. La prima parte del mio lavoro tratta l'analisi del periodo Elisabettiano: le origini del teatro, il suo sviluppo, le sue convenzioni fino al 1642, anno in cui il Puritanesimo riuscì a sradicare quasi completamente questa forma d'arte

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
shakespeare
costume
elisabettiano
marlowe
christopher
zaira de vincentiis
fiamminghi
ritratti
mefistofele

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi