Skip to content

Gli aiuti di stato nel diritto comunitario, con particolare riferimento agli aiuti a finalità regionale

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Raimondo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Claudio Biscaretti di Ruffia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 219

Gli aiuti di Stato alle imprese rappresentano un importante strumento di politica industriale, attraverso il quale si cerca di indirizzare le decisioni degli imprenditori, al fine di favorire obiettivi, ritenuti di importanza strategica dalle autorità pubbliche competenti.
Tale funzione d’indirizzo esercitata attraverso gli aiuti, generalmente volta a correggere inefficienze di mercato all’interno dei singoli Stati, può provocare, però, conseguenze indesiderate sia a livello nazionale che comunitario, poiché può generare anche effetti distorsivi sulla concorrenza, producendo, da un punto di vista economico, una scorretta allocazione delle risorse.
È da considerare, inoltre, che in seno alla Comunità, gli aiuti di Stato, oltre a possibili effetti negativi a livello economico, hanno rischiato di avere, anche, effetti negativi a livello politico, quando, dopo la ratifica del Trattato di Roma, gli aiuti potevano essere utilizzati dagli Stati membri al posto dei dazi doganali, non più possibili all’interno della Comunità, come strumento di protezionismo economico volto a mettere in una situazione di vantaggio le imprese nazionali rispetto a quelle presenti in altri Stati membri.
Proprio la volontà di raggiungere l’obiettivo di un’integrazione economica effettiva degli Stati membri all’interno della Comunità ed impedire ogni ostacolo agli scambi e alla concorrenza, ha spinto i redattori del Trattato ad inserire, tra le disposizioni che riguardano la regolamentazione della concorrenza, gli articoli 92, 93 e 94, ora 87, 88 e 89, volti a dare alla concessione degli aiuti di Stato una disciplina che limitasse al massimo gli effetti, per così dire “indesiderati”, e al contempo desse la possibilità, attraverso un sistema di deroghe, di concedere aiuti che fossero in linea con gli obiettivi stabiliti dal Trattato.
L’articolo 87, paragrafo 1 del trattato sancisce il principio secondo cui “salvo deroghe contemplate nel presente Trattato, sono incompatibili con il mercato comune, nella misura in cui incidono sugli scambi fra gli Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati, ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma, che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino di falsare la concorrenza”.
Tra le deroghe al principio di incompatibilità con il mercato comune degli aiuti di Stato, all’articolo 87, paragrafo 3, il Trattato situa gli aiuti a finalità regionale in una posizione preminente, prevedendo la possibilità per la Commissione, alla lettera a), di approvare “aiuti destinati a favorire lo sviluppo economico delle regioni ove il tenore di vita sia anormalmente basso, oppure si abbia una grave forma di sottoccupazione”, e alla lettera c) di autorizzare ”aiuti destinati ad agevolare lo sviluppo di talune attività o di talune regioni economiche, sempre che non alterino le condizioni degli scambi in misura contraria al comune interesse”.
L’importanza dell’obiettivo di ridurre gli squilibri regionali, d’altro canto, era stata messa in evidenza nel preambolo al Trattato istitutivo della Comunità Economica Europea, dove era stato puntualizzato l’intento di “rafforzare l’unità delle economie degli Stati membri e di assicurarne lo sviluppo armonioso riducendo le disparità fra le differenti regioni ed il ritardo di quelle meno favorite”.
Fino al 1986 la politica regionale della Comunità era attuata, di fatto, dalla Commissione, tramite il controllo e l’indirizzo degli aiuti a finalità regionale concessi dai singoli Stati. Dopo l’Atto unico europeo e l’introduzione della politica regionale tra le politiche comunitarie, la Commissione può operare direttamente per ridurre gli squilibri regionali attraverso i Fondi strutturali della Comunità.
Questo, però, non deve essere visto come una riduzione del ruolo degli aiuti di Stato nella politica regionale comunitaria.
Come fatto osservare dagli autori, infatti, l’obiettivo della coesione economico e sociale, consacrato nell’Atto unico europeo del 1986 e riaffermato fra i principi del Trattato di Maastricht, ha valorizzato il campo d’applicazione dell’articolo 87, paragrafo 3 del trattato.
D’altronde la stessa Commissione ha stabilito che “le iniziative di solidarietà in materia di sviluppo regionale sono attuate innanzi tutto a livello regionale e nazionale, mentre l’Unione svolge, mediante la propria politica di aiuti strutturali, una funzione sussidiaria”. E ancora, si è dovuto costatare come gli interventi a livello comunitario rappresentino una percentuale esigua di tutti gli aiuti a finalità regionale concessi dagli Stati membri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE I.1. Gli aiuti di Stato alle imprese rappresentano un importante strumento di politica industriale, attraverso il quale si cerca di indirizzare le decisioni degli imprenditori, al fine di favorire obiettivi, ritenuti di importanza strategica dalle autorità pubbliche competenti. Tale funzione d’indirizzo esercitata attraverso gli aiuti, generalmente volta a correggere inefficienze di mercato all’interno dei singoli Stati, può provocare, però, conseguenze indesiderate sia a livello nazionale che comunitario, poiché può generare anche effetti distorsivi sulla concorrenza, producendo, da un punto di vista economico, una scorretta allocazione delle risorse. È da considerare, inoltre, che in seno alla Comunità, gli aiuti di Stato, oltre a possibili effetti negativi a livello economico, hanno rischiato di avere, anche, effetti negativi a livello politico, quando, dopo la ratifica del Trattato di Roma, gli aiuti potevano essere utilizzati dagli Stati membri al posto dei dazi doganali, non più possibili all’interno della Comunità, come strumento di protezionismo economico volto a mettere in una situazione di vantaggio le imprese nazionali rispetto a quelle presenti in altri Stati membri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi