Skip to content

Economia digitale e marketplace: le opportunità per il Made in Italy

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Corradin
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2017-18
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Michela Matarazzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

La ricerca si propone di evidenziare le opportunità per il made in Italy, nel panorama del commercio elettronico mondiale, attualmente dominato dalle piattaforme dei grandi protagonisti dell'economia digitale.
La tecnologia digitale ha trasformato e pervaso l'economia, orientandola alla dimensione immateriale e rendendosi indispensabile per il funzionamento delle transazioni.
I principali protagonisti dell'economia ora sono gli attori del mondo digitale, che hanno scalzato dai primi posti i soggetti dei comparti bancario e petrolifero. Il nuovo petrolio dell'economia sono i dati, moneta di scambio e asset di fondamentale importanza.
Ricercate le basi storiche del commercio elettronico, si descrivono i vari modelli di e-business e si esaminano le attività dei principali player dell'e-commerce. Il focus è sugli elementi chiave dei marketplace, che hanno favorito il passaggio dall'economia di scala all'economia di rete ed hanno fortemente inciso sulle condizioni del retail fisico e della logistica.
Approfonditi il concetto, l'uso, l'evoluzione e la tutela dell'espressione e del brand made in Italy, si esaminano le esportazioni italiane di prodotti e di servizi e si indagano le relazioni tra commercio elettronico e produzione made in Italy.
Gli scambi nel business to business interessano circa un terzo delle aziende italiane, i volumi del business to consumer sono ancora molto contenuti rispetto alle potenzialità e a confronto con le performance delle altre imprese europee.
I protagonisti del commercio elettronico sono alcuni player, grandi in volumi di vendita, dimensioni aziendali ed estensione geografica. Il regime di monopolio che si sta formando alimenta forti e diffuse preoccupazioni circa l'equilibrio dell'economia.
I gestori dei maggiori marketplace integrano verticalmente un numero sempre più alto di attività, diventando veri e propri ecosistemi, e mirano anche alla conquista del retail fisico.
Le aziende italiane, nella classifica europea del fatturato e-commerce, sono posizionate sensibilmente al di sotto della media. Necessitano di una apertura maggiore verso il digitale e devono superare alcune carenze interne, soprattutto nelle competenze informatiche e di marketing. Lo sviluppo di una propria piattaforma di e-commerce richiede investimenti rilevanti e il ricorso alla mediazione dei marketplace è la soluzione più frequente.
L'analisi del made in Italy si concentra sui settori moda, alimentare e arredo. Sono aree che riguardano i beni di consumo di fascia medio-alta, in grado di veicolare valore.
Il settore dell'abbigliamento è responsabile per ben due terzi dell'export del made in Italy. Nel settore alimentare l'export digitale ha ancora un peso limitato. Nemmeno il settore dell'arredamento esprime ancora le sue potenzialità nelle vendite digitali.
I big player gestiscono circa l'85% delle vendite digitali del made in Italy. I produttori italiani spesso si trovano costretti ad adeguarsi, per evitare la chiusura dell'attività.
Le principali direttrici di destinazione del made in Italy vanno verso i paesi dell'area euro geograficamente più vicini e, a seguire, verso gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Cina e la Turchia.
La ricerca analizza infine quattro raggruppamenti di Paesi nel mondo, classificati secondo la loro maturità economica e la loro distanza dall'Italia. In tutti i casi il comparto trainante è quello della Moda.
Infine, una analisi dell'indice di export e del valore medio unitario dei prodotti made in Italy, evidenzia due gruppi di Paesi emergenti, dei quali il primo presenta già buone opportunità per l'export ed il secondo presenta interesse in quanto le rispettive economie sono in fase di decollo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 5 - Introduzione Il lavoro si propone di evidenziare le opportunità per il made in Italy, nel panorama del commercio elettronico mondiale dominato dalle piattaforme dei grandi protagonisti dell’economia digitale. Nato dall’incrocio tra gli interessi personali per gli aspetti tecnologico-informatici e l’im- pegno in un esperimento di marketplace per il made in Italy, chiuso dopo pochi anni di attività, il lavoro si avvale ampiamente di documentazione reperita in rete e di reportistica specializzata, oltre che delle conoscenze acquisite con la partecipazione agli incontri di un Osservatorio nazionale sull’e-commerce. La prima parte approfondisce il concetto di economia digitale ed esamina l’evoluzione dei marketplace. Si osservano la nascita e lo sviluppo dei principali marketplace nell’ambito dello scenario economico globale degli ultimi venticinque anni, dopo aver analizzato le origini dell’economia digitale e del commercio elettronico lungo gli ultimi decenni del novecento. Gli elementi costitutivi dell’economia digitale sono i dati, asset di fondamentale impor- tanza per le aziende digitali. I dati personali, il cui valore è spesso sottovalutati dagli utenti dei servizi digitali, sono ceduti come moneta di scambio per pagare i servizi ai fornitori di connessione alla rete, tecnologia e informazioni. Questi dati, assieme a quelli raccolti dall’Internet of things, rappresentano il nuovo petrolio dell’economia digitale. Gli algoritmi li processano restituendo le informazioni essenziali e preziose per l’e-commerce. La trasformazione digitale dell’economia viene esaminata secondo varie declinazioni e de- finizioni. La tecnologia digitale pervade l’economia ed è sempre più indispensabile per il funzio- namento delle transazioni. Si affronta quindi il tema della transizione dall’economia tradizionale caratterizzata dalla dimensione materiale all’economia digitale orientata alla dimensione immate- riale. Alcuni brevi cenni storici sul commercio elettronico introducono alle classificazioni e alle tipologie di relazioni tra i vari soggetti coinvolti nelle transazioni commerciali: produttori, riven- ditori e i clienti, nelle loro posizioni di privati, aziende o enti pubblici. Tra i principali modelli di business dell’e-commerce descritti viene posto in evidenza il marketplace, la piattaforma di vendita su rete Internet che mette in relazione produttori, rivenditori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

e-commerce
commercio elettronico
economia digitale
marketplace
made in italy
amazon
business model
tecnologia digitale
export digitale
alibaba

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi