Skip to content

Twin Peaks ieri e oggi: analisi della serie cult di David Lynch

Informazioni tesi

  Autore: Davide Merola
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
  Corso: Discipline dello Spettacolo e della Comunicazione
  Relatore: Alessandra Lischi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

Il medium televisivo attraversa una costante evoluzione, e persino in questo momento le regole dello storytelling vengono ridefinite. Se c’è una persona nell’Olimpo dei grandi autori televisivi da ringraziare, per i cambiamenti che ci sono stati e che continueranno ad esserci, quella è David Lynch. Ma come ha fatto questa grande figura del panorama cinematografico, col suo stile psichedelico e criptico, avulso da qualsiasi spiegazione, a conquistare anche gli schermi della nostra televisione? È proprio quello che mi sono ripromesso di spiegare e indagare in questa prova finale, analizzando il successo che il regista è riuscito a bissare (ventisette anni dopo circa) con i nuovi episodi della serie televisiva cult, Twin Peaks. Un successo che inizia negli anni ’90, ma che sostanzialmente dura poco: un totale di trenta episodi divisi in due stagioni penalizzate da un meccanismo da network televisivo troppo poco avanguardista all’epoca per la visione di Lynch. Eppure, nonostante questo, Twin Peaks ha saputo creare nuove regole per la narrazione televisiva, servendosi degli elementi che poi sarebbero diventati tipici del modo di raccontare le storie di Lynch: l’iconico volto di Laura Palmer, i gufi “che non sono quello che sembrano”, la Loggia Nera e l’assordante quesito da risolvere a cui lo spettatore era sottoposto puntata dopo puntata: chi aveva ucciso Laura? La serie cult ha saputo così conquistare il pubblico di mezzo mondo e definire un genere a sé stante: ‘lynchiano’, un qualcosa che lo si capisce solo quando lo si vede. Nessuno ci avrebbe mai scommesso, ma ventisette anni dopo (nel maggio del 2017) la storia di Twin Peaks è continuata con un revival-sequel, un nuovo ciclo di episodi (una terza stagione presentata col sottotitolo Il ritorno) che ha saputo, di nuovo, rivoluzionare i racconti in televisione. Croce e delizia del nuovo e del vecchio pubblico, Twin Peaks, con i suoi nuovi episodi ha avuto molto poco a che fare con la sua precedente incarnazione da network anni ’90, e dove la piccola cittadina del nord America aveva un ruolo centrale da protagonista, adesso tesse le fila di una storia che ha sempre di più assunto i connotati di una grande storia americana, di quel tipo di macrocosmo, e non più ‘micro’. Col collega di sempre Mark Frost, David Lynch ha saputo, nonostante tutto, coniugare il passato della serie televisiva con il suo futuro, dimostrandosi un grande conoscitore del medium televisivo e plasmandolo a suo piacere (anche talvolta a discapito dello stesso pubblico). Il regista ci ha così fornito un nuovo viaggio nel suo subconscio e nella grande mitologia di Twin Peaks, raccontandoci una storia che si è sempre saputa rinnovare con episodi, ad esempio come l’ottavo, che vanno oltre gli schermi e scavano non solo nella mente del regista, ma anche nelle ispirazioni da sempre presenti nei suoi lavori cinematografici. Infatti, proprio a questo episodio, ho dedicato un’analisi e quindi un capitolo a parte per parlare di queste immagini lontane da qualsiasi logica narrativa: possiamo definirla un’opera multimediale (più che un banale episodio di una serie tv) che riesce a dire tutto quello che è stato e che sarà Twin Peaks. L’impatto che ha avuto (di nuovo) la serie su scala mondiale è stato impressionante: se ne è parlato durante la messa in onda e se ne continua a parlare ancora ad un anno di distanza. Universalmente Twin Peaks è stata riconosciuta come il miglior prodotto televisivo andato in onda nel corso del 2017, ma uno speciale punto di vista ha catturato la mia attenzione: nell’ultimo capitolo parlo della top ten dei migliori film del 2017 pubblicata dalla rivista Cahiers du Cinéma, che ha inserito la serie di David Lynch al primo posto di questa classifica composta però esclusivamente da film. È una provocazione? Nella mia analisi cerco di capirlo anche attraverso un’intervista della rivista dedicata allo stesso Lynch, analizzando le sue opinioni a riguardo, viaggiando tra i due media (quello televisivo e cinematografico) e nell'eterna lotta tra i due per la supremazia, infine sull’importanza del ruolo del pubblico nella televisione del nuovo millennio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Il medium televisivo attraversa una costante evoluzione, e persino in questo momento le regole dello storytelling vengono ridefinite. Se c’è una persona nell’Olimpo dei grandi autori televisivi da ringraziare, per i cambiamenti che ci sono stati e che continueranno ad esserci, quella è David Lynch. Ma come ha fatto questa grande figura del panorama cinematografico, col suo stile psichedelico e criptico, avulso da qualsiasi spiegazione, a conquistare anche gli schermi della nostra televisione? È proprio quello che mi sono ripromesso di spiegare e indagare in questa prova finale, analizzando il successo che il regista è riuscito a bissare (ventisette anni dopo circa) con i nuovi episodi della serie televisiva cult, Twin Peaks. Un successo che inizia negli anni ’90, ma che sostanzialmente dura poco: un totale di trenta episodi divisi in due stagioni penalizzate da un meccanismo da network televisivo troppo poco avanguardista all’epoca per la visione di Lynch. Eppure, nonostante questo, Twin Peaks ha saputo creare nuove regole per la narrazione televisiva, servendosi degli elementi che poi sarebbero diventati tipici del modo di raccontare le storie di Lynch: l’iconico volto di Laura Palmer, i gufi “che non sono quello che sembrano”, la Loggia Nera e l’assordante quesito da risolvere a cui lo spettatore era sottoposto puntata dopo puntata: chi aveva ucciso Laura? La serie cult ha saputo così conquistare il pubblico di mezzo mondo e definire un genere a sé stante: ‘lynchiano’, un qualcosa che lo si capisce solo quando lo si vede. Nessuno ci avrebbe mai scommesso, ma ventisette anni dopo (nel maggio del 2017) la storia di Twin Peaks è continuata con un revival-sequel, un nuovo ciclo di episodi (una terza stagione presentata col sottotitolo Il ritorno) che ha saputo, di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi