Skip to content

Doping ed eritropoietina: effetti sull'organismo e rivelazione nei liquidi biologici

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Myriam Raia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli"
  Facoltà: Professioni sanitarie
  Corso: Tecniche di laboratorio biomedico
  Relatore: Barbara Rinaldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

Il doping consiste nell'uso/abuso di farmaci o sostanze biologicamente attive o la sottoposizione a pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche, al fine di modificare e migliorare le condizioni psico-fisiche dell’atleta durante una competizione sportiva. Questo fenomeno è diventato sempre più dilagante: atleti considerati legende sono risultati positivi ai test anti-doping, come ad esempio Maradona, Sharapova. Da non dimenticare uno dei casi più eclatanti, come quello del doping di Stato russo. La WADA (WORLD ANTI DOPING AGENCY) è uno degli organi preposti alla lotta al doping e ha istituito una lista delle sostanze e dei metodi proibiti nello sport. Tra le varie sostanze, quella maggiormente utilizzata è l'eritropoietina (EPO). L'EPO è un ormone glicoproteico prodotto per il 90% durante la fase adulta della vita dai fibroblasti peri-tubulari del rene e solo in misura minore dal fegato, dal cervello e dalle cellule muscolari. Questo ormone è coinvolto nei processi che portano alla formazione degli eritrociti, inattivando la loro via apoptotica. Agli inizi degli anni '80 fu identificato e clonato il gene per l'eritropoietina, dando il via a studi sperimentali e preclinici, e fu dimostrata la sua efficacia terapeutica nel trattamento di alcune forme di anemia. La produzione farmaceutica dell'eritropoietina è realizzata con la tecnica del DNA ricombinante. Il farmaco è impiegato come sostanza dopante sfruttando la sua capacità di aumentare il numero di eritrociti anche in soggetti sani, come appunto gli atleti, al fine di aumentare il trasporto di ossigeno ai tessuti in particolare a quello muscolare scheletrico e cardiaco. L'EPO è molto utilizzata negli sport di resistenza, come ciclismo e sci di fondo. Nei test anti-doping nei liquidi biologici è rivelata attraverso due metodi: diretto e indiretto. Quello diretto consiste nella focalizzazione isoelettrica (IEF) che prevede una serie di passaggi; quello indiretto consiste nell'utilizzo del Passaporto Biologico dell'Atleta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 1.1 DOPING Il fenomeno del doping rappresenta, a tutt’oggi, un problema riguardante non solo l’etica sportiva, ma anche la salute pubblica. Infatti, tale pratica prevede l’uso, ma in alcuni casi l’abuso, di farmaci o sostanze biologicamente attive o la sottoposizione a pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche, al fine di modificare e quindi migliorare le condizioni psico-fisiche dell’atleta durante una competizione sportiva. Il termine doping ha origini controverse: alcuni ritengono che derivi dalla parola dop, utilizzata dagli indigeni africani per indicare una bevanda alcolica stimolante che veniva assunta durante danze cerimoniali sciamaniche o riti religiosi. L’altra ipotesi, che è quella maggiormente accreditata dalle comunità scientifiche, fa derivare il termine dalla parola doop che descrive, invece, un infuso stimolante assunto nell’800 dai marinai olandesi, allo scopo di renderli più impavidi nell’affrontare le tempeste oceaniche e i momenti di pericolo. Bisognerà, però, aspettare i primi anni del 900 per avere una vera e propria analisi farmacologica di sostanze che, sebbene fossero lontane dal mondo sportivo, risultavano capaci di modificare le caratteristiche fisiche e psicologiche di un atleta. Ad esempio, la stricnina assunta dal maratoneta Thomas J. Hicks durante le Olimpiadi di St. Louis nel 1904, era in grado di determinare, a piccole dosi, data l’elevata tossicità, un aumento della sensibilità neuromuscolare. Solo verso la metà dello scorso secolo, le autorità governative e sportive hanno riconosciuto ufficialmente tale fenomeno. In particolare, fu emanata la legge 1099/71 che prevedeva sanzioni agli atleti partecipanti alle competizioni sportive, che facevano uso, al fine di modificare artificiosamente le proprie prestazioni, di sostanze che potevano risultare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eritropoietina
western blot
doping ematico
produzione eritropoietina
focalizzazione isoelettrica
casi doping
cera epo
espressione genica epo
darbepoietina
passaporto biologico dell'atleta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi