Skip to content

Il Mandato d'arresto europeo nel contesto normativo e giurisprudenziale

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Papa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze Giuridiche della Sicurezza
  Relatore: Antonio D'Atena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

La tesi in Diritto Costituzionale - elaborata nel giugno 2018 a conclusione del corso triennale di laurea in Scienze Giuridiche della Sicurezza - ha inteso tracciare una sistematica ricostruzione del mandato d'arresto europeo alla luce della complessiva ricognizione normativa, giurisprudenziale e dottrinale, che ha riguardato tra l'altro pronunce della Corte di Giustizia Europea, sentenze della Corte di Cassazione anche in Sezioni Unite e sentenze della Corte Costituzionale.
L'obiettivo è stato quello di delineare un quadro chiaro dell'Istituto, con univoche interpretazioni, in una chiave di lettura di pratica connotazione per gli operatori. In effetti, chi ha elaborato l'approfondimento è oggi un Maresciallo dei Carabinieri che ha voluto in questo modo offrire un contributo oggettivo a lui stesso e a tanti colleghi che, nella loro quotidiana missione a servizio degli alti valori della Costituzione, si trovano a dover operativamente interloquire con situazioni che possono riguardare il mandato d'arresto europeo.
L'utilità pratica si evince immediatamente considerando sinteticamente che il mandato d'arresto europeo - che rappresenta la prima forma di attuazione, nel Diritto Penale, del principio del reciproco riconoscimento tra Stati delle decisioni giudiziarie assunte nei singoli Paesi - ha sostituito di fatto la procedura di estradizione con un sistema che vuole essere autonomo da contenuti politico-amministrativi, diretto ed orientato alla celerità, pur nel rispetto doveroso di tutti i diritti che un equo processo deve garantire alla difesa dell'imputato.
Tutto questo si colloca in un contesto in cui l'interpretazione ormai consolidata a livello nazionale ed europeo conferma la propensione verso un Ordinamento teso a superare le individualità nazionali, ma mantenendo costante l'attenzione al rispetto dei diritti fondamentali che accomunano i vari Paesi e, tra questi, in primis, la salvaguardia di tutti i diritti fondamentali della persona a cui ciascun operatore (Autorità politiche, Giurisprudenza, Autorità amministrative e Polizia Giudiziaria, Dottrina, Comune Sentire sociale) non può non fare costante e primario riferimento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Pag. 30 di 61 3 Legge 22 aprile 2005 n. 69 in materia di recepimento dei contenuti della Decisione Quadro 2002/584/GAI del Consiglio Europeo 3.1 Inquadramento sistematico La Legge 22 aprile 2005 n. 69 (di seguito, per brevità, anche “Legge 69/2005” o “Legge di recepimento”) è rubricata quale contenente «Disposizioni per conformare il diritto interno alla decisione quadro 2002/584/GAI del Consiglio, del 13 giugno 2002, relativa al mandato d'arresto europeo e alle procedure di consegna tra Stati membri». In effetti la Legge 69/2005 - nel rispetto della gerarchia delle Fonti cui si è fatto cenno al primo capitolo del presente lavoro e secondo quanto espressamente indicato all’art. 1, comma 4, della Legge stessa - vuole costituire attuazione dell’azione comune in materia di cooperazione giudiziaria penale ai sensi del Trattato sull’Unione Europea, con particolare riferimento alle disposizioni di cui all’art. 31, paragrafo 1, lettere a), b), e all’art. 34, paragrafo 2 lettera b); paragrafo, quest’ultimo, che ribadisce il carattere vincolante di Decisioni Quadro adottate all’unanimità, ferma restando la competenza delle Autorità nazionali in merito alla forma ed ai mezzi dell’attuazione 9 . In tale contesto, risulta quindi più agevole la lettura interpretativa della norma italiana in argomento che sostanzialmente ripercorre i contenuti della Decisione Quadro (i) nella forma del più elevato provvedimento normativo in ambito costituzionale interno (la Legge) e (ii) con ulteriori adattamenti che ne costituiscono mezzo per rendere tali contenuti procedimentalmente operativi. Non mancano tuttavia - come si ha modo di analizzare più in dettaglio nel prosieguo - alcuni aspetti che hanno destato dubbi di legittimità costituzionale 9 Sul punto giova considerare la considerazione formulata dalle Sezioni Unite della Cassazione, in occasione dell’emanazione della Sentenza n. 4614 del 5 febbraio 2007, la quale ha precisato che «…il valore delle decisioni quadro è … assimilabile a quello giò assegnato alle direttive (non autoapplicative) dall’art. 249, comma 3, CE …».

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mae
mandato d'arresto europeo
legge 22 aprile 2005 n. 69
decisione quadro 2002/584
sentenza della corte di cassazione n. 4614 del 5 f
sentenza della corte costituzionale n. 227 del 21

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi