Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Contratti stipulati via Internet e tutela delle parti non professionali

La tesi tratta in primo luogo della disciplina delle clausole vessatorie. In seguito viene analizzata la tutela del contraente non professionale nei contratti stipulati via Internet

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA I PREMESSA L’evoluzione del mercato internazionale e la facilità con la quale oggi, gra- zie alle innovazioni tecnologiche, le persone comunicano, rendono più che mai attuale un’analisi approfondita delle norme che regolano i rapporti tra professionisti e consumatori. La mia ricerca parte dalla lettura storica dei progetti comunitari relativi alla protezione del consumatore, i quali, dagli anni settanta, hanno contri- buito ad una rivalutazione dell’interesse di quest’ultimo, dal punto di vista sociologico, e anche economico. Infatti, i consumatori sono i destinatari dei cosiddetti “contratti di massa”, costituiti dalle negoziazioni che gli imprenditori stipulano in modo indistin- to con la generalità dei propri “clienti”, facendo ricorso alle condizioni gene- rali di contratto. L’innovazione concettuale introdotta da tali progetti, è, per il legislatore italiano, dirompente: non per il riferimento al fenomeno della contrattazio- ne effettuata attraverso le condizioni generali di contratto, le quali erano già presenti nel codice civile del ’42, bensì per la differenziazione contrat- tuale, ratione personae. L’articolo 1341 del codice civile, infatti, regola le condizioni generali di con- tratto prescindendo dalla qualità della parte contraente contrapposta al predisponente: l’ambito di tutela ivi contenuto, si rivolge al soggetto ade- rente, sia esso consumatore o meno. Dall’evoluzione dei suddetti progetti comunitari, nasce la Direttiva 93/13/CE, recepita nell’ordinamento italiano nel 1996 dalla 6 febbraio 1996 n. 52, che introduce un apparato completo e fortemente garantista per il consumatore, incentrato su un controllo sostanziale delle clausole contrat-

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luca Gaion Contatta »

Composta da 241 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1653 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.