Skip to content

Patto territoriale e modello di sviluppo locale: il caso del Patto agricolo Nord Barese - Ofantino

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Roselli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e Tecnologie Agrarie
  Relatore: Giuseppe De Meo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

I PATTI TERRITORIALI E LO SVILUPPO LOCALE
Nel corso degli ultimi vent'anni si è assistito, in Italia, al progressivo affermarsi dei sistemi economici territoriali basati sulle piccole e medie imprese. Ovviamente, in questo lasso di tempo si sono moltiplicati gli studi finalizzati a comprendere il fenomeno dello sviluppo locale con particolare riferimento, da un lato, all'analisi delle condizioni strutturali e funzionali dei sistemi produttivi, dall'altro, alle eventuali condizioni necessarie per la replicabilità di tali modelli di sviluppo.
L’approfondimento dell’analisi ha offerto rilevanti implicazioni politiche e, in particolare, è emersa l’opportunità di orientare l’intervento pubblico verso policies capaci di costruire, dal basso, processi di sviluppo locale in contesti territoriali con particolari ritardi. Tali riflessioni hanno avuto un impatto di notevole rilevanza per le regioni del Mezzogiorno, specialmente nella fase di passaggio dal modello di sviluppo incentrato su politiche di tipo top-down a modelli di sviluppo incentrati su politiche di concertazione, costruite e definite dai soggetti pubblici e privati a livello locale, le politiche bottom-up (Santandrea, 1997).
Nei primi anni novanta si assiste, infatti, all'affermazione della programmazione negoziata quale approccio innovativo istituito dal Governo italiano per promuovere, soprattutto nel Mezzogiorno, la formazione e lo sviluppo dei sistemi locali di imprese.
La principale novità di questo approccio consiste nel dotare di uno strumento operativo i criteri di ''sussidiarietà - partenariato - programmazione'' che definiscono il percorso più logico per promuovere processi di sviluppo locale (Hoffmann e Leone, 1998).
Infatti, l'istituto della programmazione negoziata riconosce le potenzialità e le specificità dei diversi ambiti territoriali e, di conseguenza, individua la possibilità di progettare e attuare programmi di intervento su base locale (sussidiarietà). Tale logica comporta l'assunzione di un ruolo attivo da parte dei soggetti locali (pubblici e privati), chiamati ad essere i promotori e i principali protagonisti dei progetti di sviluppo del proprio territorio (partenariato). La strategia è quella di fondare lo sviluppo sulle reali esigenze delle forze sociali, nella convinzione che i progetti promossi in sede locale, da coloro che meglio conoscono il territorio, possano rappresentare il modo migliore per allocare le disponibilità e attivare le risorse autoctone (programmazione).
Uno degli strumenti operativi della programmazione negoziata è il Patto territoriale: accordo, promosso da enti locali, parti sociali, o altri soggetti pubblici o privati, relativo all'attuazione di un programma di interventi caratterizzato da specifici obiettivi di promozione dello sviluppo locale (Legge 662/96 Art. 2 Comma 203, Lettera d). I Patti territoriali si propongono, quindi, di sostenere lo sviluppo locale e l'occupazione attraverso la definizione di una strategia comune tra i diversi attori che operano sullo stesso territorio (rappresentanti degli industriali e dei lavoratori, enti locali, imprese, banche, fondazioni, università, ecc.).
Il ruolo dello Stato, in tale contesto, risiede nel mettere a disposizione degli attori locali le risorse e gli strumenti per raggiungere gli obiettivi proposti e nell'attività di controllo e di valutazione dei risultati ottenuti.
Nel 1998 gli strumenti della programmazione negoziata sono stati estesi al settore agricolo suscitando grande attenzione da parte degli amministratori locali e dei rappresentanti della cosiddetta ''società di mezzo'', certi di entrare in possesso di uno strumento di grande impatto sulla promozione e lo sviluppo rurale del Mezzogiorno (De Meo e Nardone, 2000).
Questo modello di programmazione ha avuto un notevole riscontro nel settore primario; infatti, in fase di istruttoria bancaria è emerso un alto grado di vitalità progettuale del sistema agricolo che nel giugno del 2000 ha portato all'approvazione da parte del Ministero del Bilancio di 91 Patti specializzati nei settori dell'agricoltura e della pesca, 67 localizzati nel Mezzogiorno e 24 nel Centro - Nord.
Le peculiarità e le novità di questo strumento di intervento, insieme all’attenzione che esso ha suscitato stimolano, inevitabilmente, una maggiore riflessione sulle sue caratteristiche e, soprattutto, sulla sua implementazione. Tale riflessione si rende ancora più necessaria se si considera che più d’un autore ha espresso una posizione decisamente critica rispetto all'efficienza e all’efficacia dei Patti Territoriali (Fadda, 1999; De Muro, 1999; De Rita, 2001), considerando che, pur essendo stati progettati per favorire lo sviluppo locale, nella loro traduzione operativa essi si tramutano semplicemente in ulteriori strumenti assistenzialisti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE I. I PATTI TERRITORIALI E LO SVILUPPO LOCALE Durante l’ultimo ventennio si è assistito, in Italia, al progressivo affermarsi dei sistemi economici territoriali basati sulle piccole e medie imprese. Ovviamente, in questo lasso di tempo si sono moltiplicati gli studi finalizzati a comprendere il fenomeno dello sviluppo locale con particolare riferimento, da un lato, all'analisi delle condizioni strutturali e funzionali dei sistemi produttivi, dall'altro, alle eventuali condizioni necessarie per la replicabilità di tali modelli di sviluppo. L’approfondimento dell’analisi ha offerto rilevanti implicazioni politiche e, in particolare, è emersa l’opportunità di orientare l’intervento pubblico verso policies capaci di costruire, dal basso, processi di sviluppo locale in contesti territoriali con particolari ritardi. Tali riflessioni hanno avuto un impatto di notevole rilevanza per le regioni del Mezzogiorno, specialmente nella fase di passaggio dal modello di sviluppo incentrato su politiche di tipo top-down a modelli di sviluppo incentrati su politiche di concertazione, costruite e definite dai soggetti pubblici e privati a livello locale, le politiche bottom-up (Santandrea, 1997). Nei primi anni novanta si assiste, infatti, all'affermazione della programmazione negoziata quale approccio innovativo istituito dal Governo italiano per promuovere, soprattutto nel Mezzogiorno, la formazione e lo sviluppo dei sistemi locali di imprese. La principale novità di questo approccio consiste nel dotare di uno strumento operativo i criteri di "sussidiarietà - partenariato - programmazione" che definiscono il percorso più logico per promuovere processi di sviluppo locale (Hoffmann e Leone, 1998).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

distretti produttivi
intervento straordinario nel mezzogiorno
mezzogiorno
nord barese-ofantino
patti agricoli
patti territoriali
programmazione negoziata
sistemi locali
sistemi locali di imprese
politica agraria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi