Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione normativa in materia di forme di aggregazione fra Comuni

Questa tesi analizza l'evoluzione normativa in materia di forme di aggregazione e fusioni fra Comuni (legge n. 142 del 1990, legge n.. 265 del 1999, d.lgs. n. 267 del 2000).

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Rilevanti problemi al funzionamento dell’amministrazione locale sono posti, non solo in Italia, ma anche in altri paesi europei (come la Francia e la Spagna), dall’accentuata frammentazione comunale, che non solo comporta un numero altissimo di enti (i Comuni italiani sono attualmente 8.103), ma anche una estrema differenziazione delle loro dimensioni (da oltre due milioni di abitanti a meno di cento, il divario appare veramente eccessivo perché si possa parlare di enti omogenei!). Questo problema, rilevato da sempre come una questione da affrontare da parte delle legislazioni positive, eppure mai risolto, risulta oggi ancor più preoccupante ed acquista ancora maggior rilievo nel momento in cui si intende procedere ad una valorizzazione del governo locale, in attuazione del principio di sussidiarietà (principio sancito all’art. 4, comma 3, lett. a) della legge 15 marzo 1997, n. 59 e recentemente inserito a pieno titolo nella riforma del Titolo V della Costituzione all’art. 118). Il processo di conferimento, avviato con la citata l. n. 59 del ‘97, e sviluppato particolarmente con il d.lg. n. 112 del ’98, ha voluto incrementare le funzioni e i compiti di governo delle comunità locali, ed ha inteso riservare la generalità delle funzioni amministrative al livello di governo più vicino ai cittadini, e cioè proprio ai Comuni. Il suddetto conferimento, tuttavia, si è spesso confrontato e tuttora si confronta con una realtà nella quale ad un maggior trasferimento di competenze non corrisponde una effettiva capacità di gestione e di esercizio delle stesse da parte delle autorità riceventi, essenzialmente a causa delle loro ridotte dimensioni demografiche e territoriali, nonché della conseguente inadeguatezza dei loro apparati burocratici e dei relativi mezzi finanziari, ritenuti indispensabili per l’esercizio delle nuove funzioni. In altre parole, avendo il processo di valorizzazione del governo locale fatto emergere in termini evidenti la questione dell’inadeguatezza dei

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Teresa Valentina Sblendorio Contatta »

Composta da 279 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3081 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.