Skip to content

Apprendimento a distanza: linee per un modello di formazione in rete

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Ferrara
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Emilia Francesca Carolei
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

Da molto tempo internet (grazie alla comunicazione sincrona ed asincrona) unisce persone e gruppi contribuendo alla nascita di un “Mercato delle qualità” (P. Lèvy). In questo mercato si possono offrire le proprie competenze e conoscenze e prendere quelle di cui si abbisogna in modo da crescere cognitivamente. Ciò può essere molto utile alla formazione a distanza: nelle precedenti generazioni di F.A.D, infatti, il problema era lo studio a domicilio del materiali preparati. Magari non si capiva un concetto, ci si sentiva soli di fronte alle difficoltà e non si portava avanti lo studio. Con la Rete si possono creare, invece, dei “gruppi sapienziali” in cui le persone si scambiano pareri e conoscenze su un certo tema di studio riuscendo cosi a penetrarlo meglio in tutta la sua complessità. Questo è esattamente ciò che accade nell’ambito di un corso on line attraverso vari strumenti.
§ Innanzitutto le “Classi Virtuali” (chat grafiche o testuali): qui accedono le persone che hanno scaricato sul proprio computer le lezioni ipermediali da studiare (prima di sostenere le prove intercorso). La finalità è discutere sulla lezione affinchè lo studio a distanza non sia solo memorizzazione di nozioni. Il risultato è buono: ciascuno porta ciò che sa (conoscenze o semplici opinioni) e si fa maggiore chiarezza sulle mille sfaccettature che ogni argomento ha.
§ Poi i “Sistemi di Tutoraggio” (posta elettronica, F.A.Q…): in questo caso si avvia un confronto a 2 tra lo studente ed un esperto in materia volto a chiarire eventuali dubbi sui temi di studio. In genere si preferisce questa opzione solo all’inizio per non mettere a disagio lo studente: in seguito è meglio discutere in pubblico di certi dubbi e/o perplessità al fine di poter avere un confronto chiarificatore con tutti. Il contributo di tutti può portare maggiori apporti alla comprensione tematica.
§ Infine i “Sistemi di Archiviazione” (archivio, biblioteca virtuali): in essi si trovano sia i materiali prodotti dagli studenti negli anni precedenti che i materiali di approfondimento. In pratica, tramite questi mezzi, lo studente può confrontarsi con i punti di vista di persone che li hanno preceduti nello studio di un certo tema. Il risultato, poi, è sempre una migliore comprensione delle tematiche di studio..
Grazie a questi strumenti, il Corso on line evita l’abbandono dello studio, permette di spiegare in rete anche tematiche difficili, evita che lo studente si senta solo. Oltre a questi vantaggi, vanno riconosciuti allo studio tramite corsi on line anche altri vantaggi: questo studio permette ampi risparmi a tutti i soggetti in causa. Gli Studenti possono evitare di spostarsi e d sostenere spese di alloggio extra-moenia. Gli Istituti formativi possono creare dei corsi che si possono facilmente riciclare per più commissionanti. I Commissionanti (per lo più aziende..) possono usare dei corsi facilmente aggiornabili che costano meno di corsi formativi in presenza.
Le prospettive di sviluppo di una formazione a distanza via corso on line paiono buone vista la diffusione sempre più crescente di:
§ Connessioni ADSL e ISDN: sono a banda larga e fanno scorrere i materiali didattici con maggiore velocità sul computer degli utenti. Cosi si può usare di più anche la VideoConferenza.
§ Sistemi operativi più completi: di solito un problema dei corsi on line è il dover scaricare dalla rete molti programmino (plug-in) per fruire particolari materiali del sito. Assieme a questo i corsi on line forniscono aree dove fare il free download di simili programmi.
§ Sistemi di pagamento on line criptati: grazie a migliori pratiche di criptazione sarà possibile pagare on line dando il numero della propria carta di credito.

Unici elementi da risolvere sono: il costo dei Tutor (servono molti tutor ed il tutor è una figura che costa), il cambi di mentalità (le persone preferiscono ancora il contatto “a pelle”).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Ormai da molto tempo, internet collega persone e gruppi sparsi nel mondo, contribuendo alla nascita del Cyberspazio. Il Cyberspazio, termine coniato da William Gibson nel suo ormai storico romanzo "Neuromante", indica un luogo non fisico ma digitale e telematico abitato da soggetti lontani nello spazio e nel tempo. Questo luogo è estremamente informale: qui, infatti, parametri esteriori come il sesso, l’età, la professione non superano la barriera rappresentata dallo schermo. Pertanto non possiamo considerare l’altro in base alle solite categorie estetiche ma dobbiamo considerarlo in base a quel che ha nella sua mente. E tutti hanno qualcosa di utile dentro di se, siano esse conoscenze, opinioni o esperienze di vita. A tal proposito, Pierre Lèvy 1 in “L’intelligenza collettiva”, sostiene che nessuno sa tutto e che ognuno sa qualcosa. Anche i disoccupati, i bocciati, gli emarginati sociali sono depositari di intelligenze che possono tornare utili alla società come al singolo. Tuttavia, troppo spesso delle persone vengono emarginate solo perché hanno bassi voti in pagella o sono disoccupate: come se questo volesse dire non avere esperienze, abilità tipicamente loro da fornire alla società! Bisogna, invece, considerare tutte le persone (e di tutte le società) come Fonti di intelligenze e collegarle tra loro. Ma come e perché farlo? Riguardo al come, di sicuro non possiamo utilizzare la comunicazione mediatica tradizionale (stampa, radio, televisione) perché c'è un centro di emissione e un gran numero di ricettori passivi rispetto alla fonte ed isolati 1 Lèvy Pierre, L’intelligenza collettiva, Feltrinelli, Milano, 1999, 34pag

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aule virtuali
docenti on line
gruppi collaborativi
tutor on line
valutazione didattica
e-learning
formazione a distanza
apprendimento a distanza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi