Skip to content

Software libero, standard aperti. Opportunità o necessità per la Pubblica Amministrazione?

Informazioni tesi

  Autore: Michele Lanzarini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Franco Bonazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 183

Tramite questo lavoro, ho inteso evidenziare i punti di forza di un nuovo e rivoluzionario modello di produzione del software, che va sotto il nome di Open Source (community software). Le caratteristiche da me evidenziate, non solo dal punto di vista tecnico, ma anche sociale, ne fanno un potente ed affidabile strumento disponibile a tutti. In particolare ho voluto sottolineare il ruolo che questo modello potrebbe (o dovrebbe) giocare all'interno della Pubblica Amministrazione italiana ed europea, prendendo in esame tutte le iniziative volte a sensibilizzare i Governi dei vari Paesi verso questo argomento. Il nodo del problema è più che mai attuale, dato che gran parte del settore pubblico utilizza, nel campo informatico, applicazioni e sistemi operativi prodotti da una sola software house: la Microsoft Corporation.

Metodologia seguita:
Data la sua novità, il fenomeno studiato non presenta ancora letteratura specifica sull'argomento. Pertanto, una volta identificato il mio oggetto di studio, mi sono avvalso prevalentemente della rete Internet (vero e proprio fulcro dell'intero movimento Open Source) e dello studio IDA, un'iniziativa strategica guidata dalla Comunità Europea che analizza l'uso del software open source nel settore pubblico, prendendo in esame i casi di sei Paesi europei: Belgio, Francia, Germania, Italia, Spagna e Svezia.

Principali risultati raggiunti:
In conclusione è emerso un profilo complesso della situazione, situata al crocevia di molteplici istanze, appartenenti a diversi campi di studio. In un contesto del genere, in cui la conoscenza e la fiducia nell'approccio open source sono ancora poco diffuse, sono emersi i punti di validità di tale modello: la trasparenza dei prodotti software, la non dipendenza da un singolo fornitore, sensibili risparmi economici, sviluppo delle economie locali e dell'occupazione, sviluppo culturale. Anche di fronte a questi validi motivi, sembra che la Pubblica Amministrazione italiana (ed europea) non abbia, finora, mostrato molto interesse verso questa possibilità. In concreto, tutto questo si traduce in maggiori costi, inefficienze e scarsa sicurezza. Sembra impossibile che lo Stato rinunci in modo così sistematico ad un ruolo attivo nell'applicazione del modello open source all'interno delle sue strutture. Il software libero non è una cosa strana e misteriosa, ma una plausibile promessa, credibile nel lungo termine. Affrontare questo tema ci costringe ad un notevole esercizio mentale, poiché sovverte l'ormai tradizionale concezione del software e apre la strada verso nuovi, appassionanti interrogativi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Lo scopo del presente lavoro è quello di riuscire a portare alla luce il ruolo che il software open source potrebbe o dovrebbe, a seconda dei punti di vista, svolgere nella Pubblica Amministrazione italiana ed europea. Il nodo del problema è più che mai attuale, dato che gran parte del settore pubblico utilizza, nel campo informatico, applicazioni e sistemi operativi prodotti da una sola software house: la Microsoft Corporation. Il dibattito sviluppato attorno a questo tema prende le mosse da alcuni eventi che, recentemente, stanno mobilitando il mondo dell’informatica, in particolare riguardo la diffusione sempre più tangibile della “filosofia” e della programmazione open source. In sintesi, un programma open source è un software di cui è possibile conoscere il codice sorgente, ossia la vera e propria struttura che nei software commerciali è invisibile, poiché cancellata dalla compilazione in linguaggio macchina. Questo permette, a chiunque ne abbia le capacità, di suggerire correzioni, proporre miglioramenti e aggiunte al software open source. Altro elemento di grande importanza è la libera distribuzione di questo tipo di software (attenzione, non necessariamente la sua gratuità) ed il fatto che non deve presentare discriminazioni di utilizzo verso campi di applicazioni o specifiche persone; deve, inoltre, essere liberamente modificabile da chiunque.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi