Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sistemi DAB/DVB-T

Un modo nuovo di trasmettere informazioni in forma digitale, risparmiando potenza e banda di frequenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo 1 INTRODUZIONE 1.1Gli attuali sistemi analogici e i loro limiti I sistemi di radiodiffusione hanno la capacità di convogliare un’enorme quantità di informazioni a molti recettori sparsi in tutto il mondo. Attualmente i servizi offerti possono essere programmi televisivi e radiofonici, questi ultimi in grado di essere forniti anche ad un’utenza mobile. Nella trasmissione gli operatori di rete forniranno i loro programmi a regioni le cui estensioni possono essere molto diverse, come una città o una nazione. Perciò la principale differenza tra i sistemi di trasmissione TV o audio è la dimensione dell’area in cui l’informazione trasmessa deve essere ricevuta: in questo testo distingueremo tra reti che hanno una copertura molto grande che possiamo supporre essere quella di una nazione, e reti il cui bacino di influenza non va al di là di un’area urbana (reti locali). Per esempio una stazione radio locale tipicamente ha un solo trasmettitore che irradia una potenza moderata (dell’ordine del Kilowatt) e raggiunge aree fino a 40 Km dal punto di trasmissione. Per servizi nazionali il sistema diventa più complicato. Per coprire grandi aree l’infrastruttura richiesta consiste di un gran numero di trasmettitori disposti in maniera quasi regolare. Trasmettitori adiacenti devono usare frequenze differenti quando irradiano lo stesso programma per evitare interferenza al ricevitore. Per ridurre il costo dell’infrastruttura è preferibile avere un bassa densità di trasmettitori; tuttavia un trasmettitore può servire solo un’area limitata a causa della struttura sferica della terra, per cui i ricevitori che si trovano al di là dell’orizzonte radio subirebbero un forte degrado di potenza ricevuta risultando in una ridotta qualità del segnale ricevuto. Variando l’altezza dell’antenna del trasmettitore si può adattare al caso la distanza dell’orizzonte radio; valori tipici sono tra i 100 e i 300 metri. Nella fornitura di servizi di telecomunicazioni per un grande numero di programmi il limite principale è la carenza di spettro radiofrequenziale. Perciò è essenziale usare tale spettro in modo efficiente.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giovanni Bonanno Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1559 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.