Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La determinazione del premio dell'assicurazione dei depositi attraverso l'option pricing: un'applicazione al caso italiano

La determinazione del premio dell'assicurazione dei depositi è inserita in un contesto più ampio: l'analisi dei benefici e dei costi sociali generati dall'assicurazione dei depositi nel mercato bancario nazionale ed internazionale.
Il lavoro è suddiviso in tre capitoli, grazie all'ausilio dei modelli matematici presenti in letteratura: nel primo sono esaminati i benefici sociali generati dall'assicurazione dei depositi; nel secondo i costi sociali (moral hazard), mentre nel terzo è stata effettuata un'analisi empirica relativamente a tre modelli dell'option pricing su un campione di 40 banche nazionali, consorziate del Fondo interbancario di Tutela dei Depositi.
I modelli applicati al campione di banche nazionali sono i seguenti: Marcus e Shaked (1984), Ronn e Verma (1986), e Duan,Moreau e Sealey (1995).
I risultati sono stati analizzati in termini di effetti economici e sociali sulle singole banche, sul sistema bancario e per l'organismo italiano di assicurazione dei depositi: infatti, il premio equo in funzione del rischio non è immune nè alla stocasticità dei tassi di interesse, nè tantomeno alla politica di forbereance tenuta dalla autorià di regolamentazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
L’evoluzione dell’assicurazione dei depositi nella teoria della banca 5 Introduzione L’assicurazione dei depositi è sicuramente uno degli argomenti più sfruttati nell’ambito della letteratura economica e finanziaria del secolo scorso: in questo lavoro cercheremo di esaminarne le caratteristiche, orientandoci su alcuni aspetti dell’argomento in analisi poco trattati dagli autori precedenti. Nonostante l’assicurazione dei depositi sia stato un argomento di forte discussione, tutt’oggi è ancora di grande attualità, a causa dei notevoli cambiamenti cui è stato sottoposto il sistema bancario nazionale ed internazionale: proprio a causa dei cambiamenti socioeconomici avvenuti nel nostro Paese è necessario esaminare con grande attenzione non solo le funzioni dell’assicurazione dei depositi, ma soprattutto i conseguenti effetti a livello economico e sociale. Tale aspetto è stato trascurato dalla maggior parte degli autori della letteratura economica, i quali si sono orientati maggiormente verso la ricerca della determinazione del premio equo dell’assicurazione dei depositi: in realtà, per effettuare un’analisi completa del tema in discussione devono essere presi in considerazione entrambi gli argomenti, poiché la determinazione del premio equo, come vedremo, non può prescindere dalla considerazione degli effetti sociali ed economici sul sistema bancario e sulla collettività. Dopo questa doverosa precisazione esaminiamo in breve il percorso seguito dalla nostra analisi. Nel primo capitolo saranno esaminate l’origine e le funzioni dell’assicurazione dei depositi, dal punto di vista economico e sociale: tale operazione sarà effettuata grazie all'aiuto dei principali modelli matematici presenti in letteratura, al fine di fornire le basi di conoscenza essenziali per affrontare il secondo ed il terzo capitolo. Un richiamo particolare merita la natura dell’assicurazione dei depositi e la sua forma mutualistica: nella parte finale del capitolo saranno esaminate la natura e le caratteristiche del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, l’organismo italiano d'assicurazione dei depositi. Nel capitolo successivo punteremo la nostra attenzione verso l’analisi del moral hazard, inteso come atteggiamento verso l’assunzione maggiore di rischi, con i

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Rosapane Contatta »

Composta da 364 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2504 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.