Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'omosessualità femminile: perversione o neosessualità?

Attraverso una rassegna storica dei maggiori contributi in campo psicoanalitico, ho indagato lo sviluppo della sessualità femminile e dell'orientamento omosessuale rivedendo in chiave critica i concetti classici di perversione e normalità.
Nella prospettiva degli autori psicoanalitici analizzati, l'omosessualità esprime una scelta adottata per fronteggiare conflitti precoci. Siamo lontani, quindi, dall'attuale depatologizzazione dell'omosessualità: ancora non si considera, come oggi, l'orientamento omosessuale come una sana e naturale manifestazione della sessualità umana.
Tuttavia, l'omosessualità della donna non può più essere definita ''perversa''. Anzi, sarebbe una "perversione del ruolo analitico" imporre al paziente la propria definizione di genere e sessualità sana, in quanto contrario al mandato etico e professionale dell'analista. La vera perversione, dunque, può compierla l'analista nel cercare di indurre il cliente a modificare il proprio orientamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 PREFAZIONE In tempi non recenti, sotto la pressione universitaria per la consegna dello schema della tesi, feci ingresso nello studio del professor Gianoli, desiderosa di trovare ispirazione e consiglio su quello che sarebbe stato il mio tema. Avevo coscienza dei miei interessi profondi e delle curiosità investigative che fino ad allora mi avevano animato ma, in qualche modo, non riuscivo a riunire questi elementi in una formulazione precisa per la tesi. Spiegai al professor Gianoli quale era stato il centro dei miei studi, fin dal lavoro di baccalaureato: la sessualità femminile, attraverso i metodi dell’approccio psicoanalitico. Il professore, con tutta calma, mi invitò a prendere contatto con me stessa, chiedendomi: “Cosa dice il tuo stomaco?”. Dopo aver ascoltato in silenzio una lista di argomenti, “il mio stomaco” incomiciò a borbottare e decise di interessarsi di uno solo di questi: l’omosessualità femminile. In coincidenza con la mia tesi, anche il mondo intorno a me sembrò spingermi verso una riflessione su questo fenomeno: la Risoluzione Europea a favore delle coppie omosessuali, la manifestazione per l’orgoglio omosessuale nella Capitale, e le concomitanti polemiche sorte nei mass media. Nella confusione intellettuale in cui io stessa mi trovavo, pensai di condurre questa ricerca, appoggiandomi ai dati dell’osservatorio psicoanalitico. A conclusione di queso lavoro, posso dire con sicurezza che questa tesi è stata per me una continua scoperta. La difficoltà a reperire il materiale (molti libri sono fuori stampa

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Ilaria Peter Patrioli Contatta »

Composta da 381 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15107 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.