Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Proprietà antiossidanti del vino

La differente capacità antiossidante del vino rosso rispetto a quella del vino bianco è stata ampiamente dimostrata sia in vivo che in vitro. I dati di letteratura presentano tuttavia una carenza per quanto riguarda il vino novello. E` risultato quindi interessante analizzare il potenziale antiossidante del vino novello rispetto a quello dei vini rosso e bianco. Il dosaggio del potenziale antiossidante è stato eseguito con il metodo Ghiselli (TRAP) e con il metodo di Tubaro (bleaching della Crocina). La concentrazione dei polifenoli totali è stata misurata con il metodo di Folin-Ciocalteau. Il potenziale antiossidante del vino novello è risultato collocarsi in posizione intermedia tra i rispettivi potenziali del vino rosso e del vino bianco. La spiegazione più plausibile per giustificare i risultati precedentemente descritti consiste...

Mostra/Nascondi contenuto.
Proprietà Antiossidanti del Vino Page 4 of 76 1 INTRODUZIONE Gli effetti protettivi di un moderato ma abituale consumo di vino nei confronti delle patologie multifattoriali ad elevato stress ossidativo sono ormai accertati. Chiare evidenze inoltre dimostrano che il potenziale antiossidante del vino è strettamente correlato al suo contenuto in composti fenolici. Questa constatazione spiega anche la differente capacità antiossidante, sia in vitro che in vivo, del vino rosso nei confronti di quello bianco. I dati di letteratura presentano tuttavia una carenza per quanto riguarda il vino novello. Risulta quindi interessante analizzare il suo potenziale antiossidante rispetto a quello dei vini bianco e rosso. È opportuno affermare che non esistono dubbi sull’attività antiossidante protettiva delle sostanze fenoliche. Resta però sempre aperto il problema riguardo se e quanto questi composti agiscano in vivo, e come migliorare e conservare il contenuto degli antiossidanti nel vino. Da tutto questo deriva l’ipotesi che l’uso di alcuni accorgimenti durante il processo della vinificazione potrebbe incrementare i livelli di composti polifenolici utili a favorire una corretta funzionalità dell’organismo e nella prevenzione dei disturbi cardiocircolatori e dei processi degenerativi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Daniela Candida Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11192 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.