Skip to content

Scenari di una realtà connessa. Tra Surplus Cognitivo e Intelligenza Connettiva

Da sempre le modalità di propagazione dei flussi informativi, sono state veicolate mediante i mezzi che da una parte la natura e dall'altra la tecnologia hanno messo a disposizione dell'umanità, agevolando notevolmente la socialità e il progresso della cultura.

Esse hanno subito una decisiva e importante accelerata, in particolare nel XX secolo, sfociando in strategie comunicative che hanno favorito un tipo di informazione standard espressa generalmente solo dai mass media, che controllavano il monopolio informativo seguendo rigidi criteri censurali, in base ai quali venivano scelti i contenuti da diffondere.
Questi proponevano un "pacchetto" di intrattenimento dai confini ben definiti che finiva per rendere quasi nulla l'azione partecipativa del pubblico, che aveva ben poche opportunità di interagire con i contenuti trasmessi.

I mass media più che preoccuparsi di fornire un servizio mediante il quale poter rendere partecipi fruitori del messaggio, permettendogli magari di condividere la propria vena creativa, perseguivano quindi un diverso target, quello di sfamare l'ingordigia di contenuti del pubblico passivo, finendo così facendo per oscurare anche gli avvenimenti delle zone del mondo meno accessibili, le quali rimanevano echi provenienti da scenari lontani e sfocati.
Con l'avvento e la successiva esplosione dei new media, esiste adesso la possibilità di proporre una modalità di fare e condividere liberamente le informazioni a trecentosessanta gradi.

Un'informazione che nasce nel mondo online arrivando a influenzarne i gli automatismi di quello offline, attraverso diverse piattaforme quali,social media, siti, forum, blog, i quali permettono a chiunque di lasciare una personalissima traccia nel flusso informativo comodamente dal proprio smartphone, tablet o pc.

In quest'era di #ashtag e "pollici in su", il carattere estremamente free ed accessibile della rete, gioca un ruolo fondamentale nei meccanismi di condivisione e diffusione della conoscenza, poiché permette a tutti di sentirsi anche solo mediante un tweet, parte integrante della grande pentola mediatica in continua ebollizione.

Tuttavia, esaminando l'altra faccia della medaglia, ci troviamo costretti a considerare l'idea che esistono utilizzi negativi del web dettati dalla libertà di accesso, che permette a chiunque, come ai cosiddetti Troll, ovvero quei soggetti che interagiscono con gli altri tramite messaggi provocatori, irritanti o senza senso, di disturbare la quiete della comunità di rete, con la possibilità che tali attività possano degenerare in scenari ben più pericolosi e illegali.

Al di là delle tangibili conseguenze dettate dalla neutralità del web, le idee e la conoscenza, grazie agli innumerevoli servizi e piattaforme dell'era digitale, viaggiano comunque indisturbate attraverso i binari della connettività, spinte dalla potenza propulsiva dei social media, i quali hanno cambiato inevitabilmente le regole della nostra quotidianità, ridefinendo il se, che con i suoi continui "aggiornamenti di stato" diviene fonte primaria di un presente costantemente "connesso", che fino a un trentennio fa sembrava l'utopia di una generazione di speranzosi visionari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Da sempre le modalità di propagazione dei flussi informativi, sono state veicolate mediante i mezzi che da una parte la natura e dall’altra la tecnologia hanno messo a disposizione dell’umanità, agevolando notevolmente la socialità e il progresso della cultura. Esse hanno subito una decisiva e importante accelerata, in particolare nel XX secolo, sfociando in strategie comunicative che hanno favorito un tipo di informazione standard espressa generalmente solo dai mass media, che controllavano il monopolio informativo seguendo rigidi criteri censurali, in base ai quali venivano scelti i contenuti da diffondere. Questi proponevano un “pacchetto” di intrattenimento dai confini ben definiti che finiva per rendere quasi nulla l’azione partecipativa del pubblico, che aveva ben poche opportunità di interagire con i contenuti trasmessi. I mass media più che preoccuparsi di fornire un servizio mediante il quale poter rendere partecipi fruitori del messaggio, permettendogli magari di condividere la propria vena creativa, perseguivano quindi un diverso target, quello di sfamare l’ingordigia di contenuti del pubblico passivo, finendo così facendo per oscurare anche gli avvenimenti delle zone del mondo meno accessibili, le quali rimanevano echi provenienti da scenari lontani e sfocati. Con l’avvento e la successiva esplosione dei new media, esiste adesso la possibilità di proporre una modalità di fare e condividere liberamente le informazioni a trecentosessanta gradi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Rossitto
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Sebastiano Nucera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
media
web
new media
informazione
cultura
memetica
intelligenza connettiva
surplus cognitivo
memes

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi