Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

M&A nel settore bancario

Il tema delle M&A nel settore bancario ha da sempre suscitato l’interesse e l’attenzione di critici e studiosi, come dimostrato dalla vastissima letteratura esistente sull’argomento.
D’altronde, però, l’ampiezza e la complessità della materia hanno ripetutamente indotto i cultori della stessa a concentrare l’analisi su specifici aspetti della problematica. In questo senso, la possibilità di affrontare il fenomeno in questione da diverse e svariate angolazioni rende senz’altro arduo fornire una chiave di lettura generale ed organica.

Pur nell’impossibilità di condurre un’analisi a 360 gradi, si è tentato, con il presente lavoro, di offrire una panoramica piuttosto allargata del fenomeno delle Fusioni&Acquisizioni bancarie, senza, ovviamente, alcuna pretesa di completezza.
Anche in tal caso però, inevitabilmente, sono risultate necessarie alcune scelte di fondo nell’impostazione della trattazione.
In primo luogo, seppur non trascurando il quadro internazionale, si è voluta incentrare maggiormente l’attenzione sul sistema bancario italiano, anche in virtù della maggior quantità di informazione e documentazione disponibile: da questo punto di vista è risultato anche più agevole l’ottenimento del materiale per la discussione del caso aziendale.
In secondo luogo, l’indagine è stata prevalentemente focalizzata sulle determinanti, gli effetti e sugli aspetti strategico-organizzativi dei processi di crescita esterna, in particolare esaminando le implicazioni emerse nell’ambito della delicata fase Post-M&A. Si inserisce proprio in tale contesto il tentativo di realizzare un confronto, risultato articolato ma alquanto interessante e ricco di spunti, tra due casi di Merger bancario condotti nel nostro Paese, generanti due tra i principali gruppi creditizi italiani, la Banca di Roma ed IntesaBci.

Mostra/Nascondi contenuto.
V Premessa Il tema delle M&A nel settore bancario ha da sempre suscitato l’interesse e l’attenzione di critici e studiosi, come dimostrato dalla vastissima letteratura esistente sull’argomento. D’altronde, però, l’ampiezza e la complessità della materia hanno ripetutamente indotto i cultori della stessa a concentrare l’analisi su specifici aspetti della problematica. In questo senso, la possibilità di affrontare il fenomeno in questione da diverse e svariate angolazioni rende senz’altro arduo fornire una chiave di lettura generale ed organica. Pur nell’impossibilità di condurre un’analisi a 360 gradi, si è tentato, con il presente lavoro, di offrire una panoramica piuttosto allargata del fenomeno delle Fusioni&Acquisizioni bancarie, senza, ovviamente, alcuna pretesa di completezza. Anche in tal caso però, inevitabilmente, sono risultate necessarie alcune scelte di fondo nell’impostazione della trattazione. In primo luogo, seppur non trascurando il quadro internazionale, si è voluta incentrare maggiormente l’attenzione sul sistema bancario italiano, anche in virtù della maggior quantità di informazione e documentazione disponibile: da questo punto di vista è risultato anche più agevole l’ottenimento del materiale per la discussione del caso aziendale. In secondo luogo, l’indagine è stata prevalentemente focalizzata sugli aspetti strategico-organizzativi dei processi di crescita esterna, in particolare esaminando le implicazioni emerse nell’ambito della delicata fase Post-M&A. Si inserisce proprio in tale contesto il tentativo di realizzare un confronto, risultato articolato ma alquanto interessante e ricco di spunti, tra due casi di Merger bancario condotti nel nostro Paese,

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Adriano Giombetti Contatta »

Composta da 273 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12497 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 89 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.