Skip to content

Il piano di rinascita della Sardegna nel confronto politico e culturale del secondo dopoguerra (1945-1962)

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Colombi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Magistero
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Claudio Natoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 274

La presente tesi ripercorre le vicende storiche e politiche del primo piano di rinascita della Sardegna, da quando cominciò a prendere corpo l'idea agli inizi degli anni 50, anno del primo Congresso del popolo sardo, sino alla tanto attesa approvazione del disegno di legge. La tesi traccia anche una sintesi generale delle modificazioni intervenute nell'isola nel periodo fascista: il fascismo dispose la spesa di un miliardo con l'obiettivo di realizzare una serie di opere coordinate per il miglioramento della generale situazione economica dell'isola. Anche gli americani con la fondazione Rockefeller si interessarono ad una rinascita della Sardegna, proponendo esperimenti di miglioramenti già attuati con notevoli risultati nei loro Stati. Il piano di rinascita sardo fu molto sentito in quel periodo in quanto coinvolse non solo gli schieramenti politici e gli spazi culturali, ma anche tutta l'opinione pubblica. Il piano di rinascita fu il primo esperimento di pianificazione regionale in cui si applicò il modello di programmazione che si andò affermando a livello nazionale; inoltre, aprì il dibattito sull'autonomia che successivamente si sviluppò nell'isola. L'obiettivo generale della L. 588 era lo sviluppo economico ed il progresso sociale della Sardegna. Negli anni '50 la situazione di diversità dell'isola era troppo forte rispetto al resto della Nazione e con il piano di rinascita la si voleva integrare nelle prospettive di sviluppo che erano già state offerte al resto dell'Italia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
V Ripercorrere le vicende storiche e politiche che hanno fatto da sfondo alle diverse forme d’intervento sperimentate nel corso degli anni a partire dal ventennio fascista, costituisce un passo determinante per fornire un quadro d’insieme e quindi meglio comprendere come il piano di rinascita si sia innestato su una situazione economica e sociale, quella della Sardegna, peculiare e caratteristica, riconducibile alle politiche economiche adottate dallo Stato nei confronti dell’isola nel periodo preso in esame. La presente tesi riserva l’attenzione alle vicissitudini del piano di rinascita da quando cominciò a prendere corpo l’idea agli inizi degli anni Cinquanta, dal primo Congresso del popolo sardo che aprì un tumultuoso dibattito sino alla tanto attesa approvazione del disegno di legge. Si è trattato di un lavoro che ha richiesto un impegno di ricerca, portato avanti per due anni e svoltosi per la maggior parte nella biblioteca del Consiglio regionale. Sono stati presi in esame documenti, Resoconti consiliari, numerose riviste ed articoli dei quotidiani sardi dell’epoca. Notevole la difficoltà nel reperire gli Atti della Camera e del Senato per la ricostruzione dei dibattiti in Parlamento che solo il Dipartimento di Storia contemporanea di Sassari vanta di possedere. Tutti i dati, le informazioni e i documenti raccolti hanno fatto emergere come non sia stata facile la “battaglia per la rinascita”. In primo luogo la tesi traccia una sintesi generale delle modificazioni intervenute nell’isola durante il periodo fascista. Il fascismo dispose la spesa di un miliardo con l’obiettivo di realizzare una serie di opere coordinate per il miglioramento della generale situazione economica dell’isola. Notevoli risultati si ottennero attraverso le bonifiche, ma la politica fascista autarchica non fece altro che isolare il mercato italiano dal sistema produttivo europeo e la Sardegna ne risentì maggiormente in quanto beneficiarono dei miglioramenti solo settori limitati ed aree ristrette della società isolana. Una ricostruzione dei passi più importanti dello Statuto speciale della Sardegna è stata data dal testo di Mariarosa Cardia, Le origini dello Statuto speciale della Sardegna, una ricostruzione documentaria del cammino verso

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fondazione rockefeller
legge cocco ortu
legge del miliardo
psdi
storia d'italia
storia della sardegna
storia contemporanea
congresso del popolo sardo
legge n. 588-1962
piano di rinascita della sardegna
statuto speciale della sardegna

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi