Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ampliamento di un impianto di denitrificazione-nitrificazione: simulazioni mediante software con e senza la denitrificazione "aerobica"

L'impianto di depurazione di Osnago (sovraccarico perché è stato realizzato solo uno dei 2 lotti identici previsti dal progetto definitivo) presenta la caratteristica di avere una fase di denitrificazione molto più spinta rispetto alla potenzialità teoricamente desumibile. L'attività di denitrificazione si svolge dunque in parte anche nel comparto aerato (nitrificazione), favorito da condizioni di alta concentrazione di SS in vasca e bassa concentrazione di ossigeno disciolto. L'applicazione di un modello matematico che tiene conto della denitrificazione "aerobica" (Mantis, derivato da ASM1), tarato sulla base di serie storiche di dati collezionati in 2 anni, ha successivamente permesso, in fase di progetto di ampliamento, di prevedere consistenti risparmi nelle volumetrie e nelle portate di ricircolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 INTRODUZIONE L’impianto di depurazione oggetto di questo lavoro è stato progettato per raccogliere e depurare le acque di fognatura del suo comprensorio sulla base della popolazione equivalente censita all’anno 1990 e con l’obiettivo di raggiungere gli standard di qualità imposti dalla “legge Merli” (L. 319/76) allora vigente. Il raggiungimento dello scopo è stato conseguito mediante la realizzazione del primo di due lotti identici previsti dal progetto esecutivo. La crescita futura della popolazione residente ed equivalente industriale nei cinque comuni serviti dall’impianto, nonché il cambiamento della normativa di riferimento per la qualità degli scarichi (D.Lgs. 152/99) ha ridestato l’interesse verso la possibilità di realizzare anche il secondo lotto. Lo scopo di questo lavoro è dunque quello di rivalutare, alla luce della nuova legge, la possibilità di ampliamento dell’impianto attraverso alcune simulazioni di funzionamento su calcolatore. La prima parte di questa tesina riguarda lo studio dell’impianto nella sua configurazione odierna. E’ stata ricreata su software la sola linea liquami così come si presenta attualmente e ne è stata fatta la taratura. Questa operazione si è svolta utilizzando per le simulazioni alcune serie storiche di dati per il liquame in ingresso

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Gianlorenzo Pomesano Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3673 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.