Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Regolamentazione ed efficienza delle Unità Sanitarie Locali lombarde

Obiettivo di questo lavoro è analizzare e valutare alcuni aspetti fondamentali del sistema sanitario italiano, in particolare, la regolamentazione e l'efficienza delle USL. L' oggetto della ricerca è quindi uno dei temi centrali dell'economia sanitaria.
Il primo capitolo è dedicato agli aspetti organizzativi e strutturali del sistema sanitario italiano; esso si propone di delineare brevemente l'evoluzione storica dei servizi socio-assistenziali del Paese soffermandosi, in modo particolare, sui caratteri fondamentali del Servizio Sanitario Nazionale (istituito con legge 23 dicembre 1978 n. 833) ed evidenziandone le carenze e gli errori di impostazione che, a lungo andare, ne hanno causato la crisi ed il rinnovamento.
Il secondo capitolo, di stampo prettamente economico, si propone di evidenziare e spiegare la struttura e le condizioni di equilibrio dei mercati sanitari, occupandosi, in primo luogo, degli elementi e dei temi centrali relativi alla struttura dei sistemi sanitari, quali la concorrenza, il rapporto pubblico-privato, le assicurazioni sanitarie e le forme di regolazione dell'equilibrio di mercato. Grande spazio viene poi riservato ai cardini attorno a cui ruota ogni sistema economico: domanda ed offerta. Relativamente a quest'ultima vengono illustrate le caratteristiche fondamentali, in particolare, gli aspetti relativi alle funzioni di produzione e di costo dei servizi sanitari, oltre che al sistema di rimborso Diagnosis Related Groups (D.R.G.) delle prestazioni sanitarie e degli interventi ospedalieri. In entrambe le sezioni (domanda ed offerta), infine, ci si occupa del settore farmaceutico, studiandone i caratteri centrali, considerato il peso e l' incidenza che tale settore è andato assumendo, nel corso degli anni, sulla spesa sanitaria.
L' analisi di quest'ultima costituisce il tema centrale del terzo capitolo, che dopo aver illustrato il sistema di finanziamento e l' allocazione delle risorse all' interno del Servizio Sanitario Nazionale, valuta l'andamento della spesa sanitaria totale e delle sue componenti principali in Italia, nel periodo 1984 - 1992. Dopo aver individuato le principali cause di incremento della spesa sanitaria in fattori quali: il progressivo invecchiamento della popolazione assistibile, l'aumento del reddito disponibile e del numero dei medici, oltre che il progresso tecnologico, si propongono alcune possibili forme di controllo, in parte già operanti ed in parte ancora in fase di studio. La seconda parte del terzo capitolo affronta, in modo approfondito, l' analisi della spesa farmaceutica italiana e i problemi fondamentali ad essa collegati: dalla determinazione del prezzo dei farmaci, al Prontuario Terapeutico, ora sostituito da una Lista di specialità medicinali articolata in quattro gruppi; dal fenomeno dei ticket, a quello con esso strettamente collegato delle esenzioni, tutti argomenti di estrema e rinnovata attualità.
Il quarto capitolo costituisce una valutazione empirica ed un' analisi della situazione delle nove Unità Sanitarie Locali della provincia di Bergamo, prese come campione, per applicare alla realtà gli assunti dei capitoli precedenti e verificare, nei limiti del possibile, la loro validità esplicativa. Per raggiungere tale obiettivo si sono analizzati i dati relativi alla spesa sanitaria ed ai rapporti di produttività e costosità relativi al periodo 1984 - 1992.
Il quinto ed ultimo capitolo si occupa, innanzitutto, di un aspetto dell'economia sanitaria per lungo tempo trascurato e solo di recente fatto oggetto di particolare attenzione dagli studiosi di economia sanitaria, quello della valutazione economica e della qualità dell'assistenza sanitaria. In primo luogo, si individuano le ragioni che giustificano una valutazione di tipo economico e qualitativo dei servizi sanitari, secondariamente si cerca di fornire le definizioni di alcuni concetti centrali quali efficienza, efficacia e qualità; concetti ed aspetti tra loro strettamente correlati e destinati ad assumere un rilievo sempre maggiore nelle decisioni relative al sistema sanitario.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE Obiettivo di questo lavoro è analizzare e valutare alcuni aspetti fondamentali del sistema sanitario italiano, in particolare, la regolamentazione e l' efficienza delle Unità Sanitarie Locali. L' oggetto della ricerca è quindi uno dei temi centrali dell' economia sanitaria, disciplina decisamente giovane se si considera che i primi studi riportati in letteratura risalgono alla metà degli anni cinquanta; essa può essere considerata una branca specializzata della scienza economica che, però, è andata costituendo nel tempo un corpo metodologico proprio, assumendo un carattere relativamente indipendente dal resto delle discipline economiche a causa delle peculiarità del settore oggetto di studio. Tali peculiarità, per il cui approfondimento si rinvia ai primi due capitoli del presente lavoro, sono sostanzialmente di due generi: in primo luogo le attività sanitarie, per ovvie ragioni di carattere sociale, sono, quasi ovunque, in larga misura sottratte al mercato; ma è il secondo genere di peculiarità che conferisce all' economia sanitaria il carattere di disciplina a sè e cioè il comportamento degli agenti del settore che, come vedremo, differisce da quello proprio degli agenti economici, spesso in maniera pronunciata. Il primo capitolo è dedicato agli aspetti organizzativi e strutturali del sistema sanitario italiano; esso si propone di delineare brevemente l' evoluzione storica dei servizi socio-assistenziali del Paese soffermandosi, in modo particolare, sui caratteri fondamentali del Servizio Sanitario Nazionale (istituito con legge 23 dicembre 1978 n. 833) ed evidenziandone le carenze e gli errori di impostazione che, a lungo andare, ne hanno causato la crisi ed il rinnovamento. Dopo un breve accenno alla fase transitoria (legge 4 aprile 1991 n. 111), l' analisi prosegue prendendo in considerazione i recenti provvedimenti legislativi (legge delega 23 ottobre 1992 n. 421, decreto

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianluca Morosini Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3481 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.