Skip to content

Il problema Kosovo in alcuni quotidiani italiani

Informazioni tesi

  Autore: Miralda Colombo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Annalisa Carlotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 283

“Poi realizzo il significato che viene dato alla parola. E’ solo speranza: io sono qualcuno che viene ‘da fuori’ a vedere, per poi ritornare ‘fuori’ e riportare, raccontare…”. La mia ricerca nasce da un articolo, sotto forma di diario, scritto da Giulia Fossà per il Manifesto durante un breve viaggio a Pristina. Le sue parole risalgono a quasi cinque anni fa, due prima della guerra in Kosovo, in tempi in cui pochi parlavano e scrivevano di questa regione. La questione balcanica era stata archiviata all’indomani degli accordi di Dayton. Solo più tardi, con lo scoppio delle ostilità, i commentatori ricorderanno che la scintilla delle guerre nella ex-Jugoslavia si era propagata proprio dal Kosovo nel ’90 e che in questa Regione dovrà spegnersi. I reportages, la cronaca dalle zone “calde” di guerra hanno questa grande occasione ma, voglio aggiungere, pericolo, perché per i giornali la “guerra è sia il migliore sia il peggiore dei momenti”: da una parte il racconto sincero di un dramma autentico, dall’altra il rischio di cadere nelle reti della manipolazione e della propaganda, se non della menzogna vera e propria. L’aveva scritto già Clausewitz nell’’800 che “le informazioni che si ottengono in guerra sono in gran parte contraddittorie, la maggior parte menzognere, e quasi tutte incerte…Generalmente ciascuno è disposto a credere più il male che il bene, ciascuno è tentato di esagerare un poco il male”. E poco sembra essere cambiato dopo oltre un secolo di storia, anzi oggi documentare i conflitti diventa più difficile visto che le nuove guerre sono “invisibili” ed i vertici politico-militari tentano in ogni modo di attenuare morti e distruzioni, parlando di “danni ed errori collaterali” e dei bombardamenti come di “operazioni”.
Dalla guerra del Golfo in poi tutto è cambiato: quella fu una “guerra che non ci lasciarono vedere” –ha scritto il maggior reporter italiano, Ettore Mo in “Sporche guerre” –“furono mesi di frustrazione, in cui contribuiva anche la Cnn che aveva assunto il monopolio dell’informazione”.
La “battaglia nei cieli” si è ripetuta in Kosovo, dal 24 marzo al 9 giugno, e nel momento in cui stiamo scrivendo in Afganistan, dove la definizione di “guerra umanitaria” è stata soppiantata da quella di “guerra al terrorismo”. Se è ancora difficile esprimere una valutazione sul conflitto in corso, si possono invece proporre spunti e riflessioni su quello scoppiato così vicino al nostro paese. Proprio questa vicinanza, insieme alla lezione del Golfo ed al desiderio di sapere dell’opinione pubblica, hanno reso la copertura informativa diversa rispetto al ’91.
Alla luce delle responsabilità dei media delle quali ho scritto sopra ho voluto che il “problema” Kosovo (e non a caso ho scelto di titolare la mia tesi proprio in questo modo) fosse considerato in una prospettiva il più ampia possibile, non sottovalutando mai il ruolo, le mancanze ed e il linguaggio informativi. E’ per tale ragione che il “problema” Kosovo si intreccia spesso a quello dell’informazione, della notizia che diventa propaganda dell’una o dell’altra parte.
Tutto ciò si riflette anche nella struttura della tesi nella quale ho analizzato il conflitto in Kosovo avvalendomi di cinque quotidiani italiani, Avvenire, il Corriere della Sera, il Giornale, il Manifesto e la Repubblica che sono diventate la fonte principale per il mio lavoro, affiancati da una bibliografia che spazia dalla storia agli interrogativi sul ruolo dei media. Mi è parso il metodo migliore per poter realmente tentare di descrivere una guerra che oltre ad essere “invisibile” è stata “etica ed umanitaria”: una prima visione assoluta per i nostri media.
Da notare che si è trattato di una guerra che non è potuta essere documentata in tutti suoi fronti, visto che il Kosovo era stato dichiarato dal regime serbo off-limits per la stampa occidentale. Solo in casi eccezionali, ed “organizzati” dal governo di Belgrado, i giornalisti hanno potuto entrare nel paese.
Il livello più prettamente cronologico è stato costituito dall’inizio dei bombardamenti e dal dibattito che ha condotto agli accordi di pace, quello più tematico dai paragrafi sui profughi, la gente di Belgrado ed i cosiddetti “errori della Nato”.
Ho terminato il quarto capitolo con una sorta di appendice dove ho affiancato, giustamente, al discorso sulle immagini della guerra quello che potremmo in maniera azzardata definire “reportage fotografico”. Penso, infatti, che in un’epoca in cui le parole dei media possono determinare il fallimento di una guerra, le fotografie abbiano un ruolo fondamentale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE “Poi realizzo il significato che viene dato alla parola. E’ solo speranza: io sono qualcuno che viene ‘da fuori’ a vedere, per poi ritornare ‘fuori’ e riportare, raccontare…”. La mia ricerca nasce da un articolo, sotto forma di diario, scritto da Giulia Fossà per il Manifesto durante un breve viaggio a Pristina. Le sue parole risalgono a quasi cinque anni fa, due prima della guerra in Kosovo, in tempi in cui pochi parlavano e scrivevano di questa regione. La questione balcanica era stata archiviata all’indomani degli accordi di Dayton, durante i quali il “problema” Kosovo era stato praticamente ignorato. Solo più tardi, con lo scoppio delle ostilità, i commentatori ricorderanno che la scintilla delle guerre nella ex-Jugoslavia si era propagata proprio dal Kosovo nel ’90 e che in questa Regione dovrà spegnersi. Attraverso il reportage della Fossà, letto per una tesina scritta durante il corso di Storia del giornalismo, ho conosciuto la “gente di Pristina”: già nel ’97 era chiaro come gli albanesi vivessero in un clima di sopraffazione e violenza come tante altre minoranze nel mondo, dai curdi ai tibetani. La cosa strana è che in realtà costituivano la maggioranza della loro terra, mentre gli “oppressori”, i serbi, erano in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia del giornalismo
crisi del kosovo
guerra del kosovo
analisi dei quotidiani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi