Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Translating Shashi Deshpande ''The Intrusion and other Stories''

Traduzione di un'antologia di racconti della scrittrice indiana Shashi Deshpande, accompagnata da un glossario dei termini indiani che compaiono nei racconti e da una breve introduzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 La vita e l’opera: Shashi Deshpande è nata nel 1938 a Dharwad, una piccola cittadina del Karnataka, uno stato dell'India meridionale. E' figlia di Sriranga, un famoso drammaturgo e studioso di sanscrito. Nonostante la sua famiglia appartenesse alla casta dei bramini, il padre non ha mai permesso che i figli si comportassero come tali e che rispettassero i riti di questa casta. Dopo aver vissuto per quindici anni a Dharwad si trasferisce con la famiglia a Bombay dove ha conseguito una laurea in economia; ne ha anche una in legge, conseguita a Bangalore e una laurea di specializzazione in letteratura inglese. Aveva circa trent'anni quando iniziò, quasi per caso, a scrivere; dopo avere trascorso un anno in Inghilterra con il marito e i figli, decise di annotare tutti i dettagli di quell'esperienza. Ne nacquero tre articoli che consegnò al padre e che furono poi pubblicati sul Deccan Herald. Nel 1971 partecipò a un concorso di scrittura proposto da Eve's Weekly e vinse un premio di consolazione con uno dei suoi racconti. Poi collaborò con la rivista Onlooker per la quale scrisse il suo primo vero racconto. Da quel momento i racconti si susseguirono uno dietro l'altro ed ebbe così inizio la collaborazione con riviste femminili come Femina e Eve's Weekly. Attualmente vive a Bangalore con i due figli e il marito.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Sara Morano Contatta »

Composta da 284 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 924 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.