Skip to content

La comunicazione nelle comunità virtuali. Il chattista alla ricerca di Sè.

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Spanò
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Elio Tesio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 429

L’obiettivo principale del nostro lavoro è stato quello di esplorare un fenomeno che si sta imponendo nella realtà quotidiana di milioni di persone in tutto il mondo.
La nostra ricerca è stata ispirata da una domanda fondamentale:
“Che cos’è che spinge milioni di persone ad interagire con altri individui attraverso una tastiera ed un monitor, senza poterne osservare l’aspetto fisico, ascoltarne la voce o guardarli negli occhi?”.
Per quanto apparentemente semplice questa domanda ci ha posto nelle condizioni di analizzare un processo di sviluppo dei mezzi comunicativi che è evoluto sempre più verso un modello di comunicazione mediata (CMC), che annulla tanto il tempo quanto lo spazio.
In particolare, il modello di comunicazione che abbiamo analizzato (IRC) è di tipo interattivo e sincronico: annulla, quindi, le distanze di spazio ma non quelle di tempo.
Ciò significherà che per comunicare tra loro le persone dovranno essere presenti contemporaneamente nella stessa “dimensione temporale”, indipendentemente dal luogo in cui si trovano o dal fuso orario; ma, paradossalmente, annullare le distanze spaziali tramite Irc significa anche porre fra i due interlocutori uno “spazio intermedio” (lo spazio virtuale) che anzichè avvicinarli può arrivare a proteggerli l’uno dall’Altro.
Una delle critiche che molto spesso vengono fatte a questo tipo di comunicazione è che questa permetta di avvicinarsi all’Altro, di conoscerlo, ma non tanto da doverlo accettare ed incontrare nella sua diversità e nella sua interezza.
Partendo da questo presupposto abbiamo ipotizzato che la motivazione principale alla base delle interazioni virtuali in Irc potesse essere proprio la paura dell’Altro e la ricerca di un meccanismo protettivo che permettesse di avvicinarglisi e contemporaneamente di proteggersene tramite lo schermo del computer.
Ci siamo poi chiesti se la paura dell’incontro con l’Altro potesse essere una spiegazione sufficiente per motivare il comportamento di così tante persone e siamo andati alla ricerca di ulteriori cause.
Vari lavori pubblicati, in particolare quelli della psicologa clinica Sherry Turkle, hanno considerato le modificazioni a cui va incontro il Sè dell’individuo quando incontra un ambiente protettivo come quello virtuale; ambiente che può stimolare a sperimentare e osare là dove nella vita reale tutto questo viene ad essere impedito, per le richieste di ruolo imposte dalla società e per il bisogno di un’identità stabile.
Partendo da teorie psicodinamiche, che considerano il Sè come un’entità fluida, mutevole, decentrata, la cui stessa possibilità di esistere dipende dalla presenza di un ambiente relazionale che ne permetta non soltanto l’espressione ma che sia anche facilitante e convalidante di parti inesplorate o sconosciute, abbiamo provato a considerare la possibilità che il contesto virtuale possa rappresentare una condizione di incontro ideale di fattori che permettono la sperimentazione, l’espressione e l’esplorazione del Sè; oltre a ciò abbiamo considerato l’ambiente virtuale come un mezzo di espressione di bisogni e desideri dell’individuo.
La ricerca bibliografica sulla comunicazione virtuale ci ha portati a notare come vi fosse un’abbondanza, soprattutto della scuola americana, di speculazioni teoriche sul tema e per contro una scarsità di dati o di ricerche che dessero testimonianza di queste teorizzazioni.
Per questo motivo si è ritenuto importante che parte del nostro lavoro fosse orientato a una ricerca sul campo (in questo caso sul campo “virtuale”) in modo da poter dar “voce” a questo fenomeno, riportando testimonianze di persone che quotidianamente vivono a contatto con questa “realtà”.
La ricerca che abbiamo effettuato non ha avuto quindi lo scopo di verificare delle ipotesi ma piuttosto di “scoprire” delle ipotesi eventualmente verificabili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’obiettivo principale del nostro lavoro è stato quello di esplorare un fenomeno che si sta imponendo nella realtà quotidiana di milioni di persone in tutto il mondo. La nostra ricerca è stata ispirata da una domanda fondamentale: “Che cos’è che spinge milioni di persone ad interagire con altri individui attraverso una tastiera ed un monitor, senza poterne osservare l’aspetto fisico, ascoltarne la voce o guardarli negli occhi?”. Per quanto apparentemente semplice questa domanda ci ha posto nelle condizioni di analizzare un processo di sviluppo dei mezzi comunicativi che è evoluto sempre più verso un modello di comunicazione mediata (CMC), che annulla tanto il tempo quanto lo spazio. In particolare, il modello di comunicazione che abbiamo analizzato (IRC) è di tipo interattivo e sincronico: annulla, quindi, le distanze di spazio ma non quelle di tempo. Ciò significherà che per comunicare tra loro le persone dovranno essere presenti contemporaneamente nella stessa “dimensione temporale”, indipendentemente dal luogo in cui si trovano o dal fuso orario; ma, paradossalmente, annullare le distanze spaziali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chat
chat online
chattare
chattisti
comunicazione
interazione virtuale
internet
relazioni in chat
comunita virtuali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi