Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Flessibilità e mediazione del lavoro temporaneo: un caso aziendale

L'evoluzione del lavoro richiede strumenti nuovi in grado di garantire un'elevata flessibilità tra domanda ed offerta. Il lavoro temporaneo si presenta come mediatore tra queste due realtà. In un caso aziendale è analizzato il significato che i diversi attori sociali coinvolti attribuiscono a questa nuova forma di rapporto di lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I: COSA SIGNIFICA “LAVORO” OGGI? 1.1 INTRODUZIONE “Non è il lavoro che manca. Siamo noi che manchiamo di intuito per comprendere che esso sta cambiando radicalmente, e di immaginazione per organizzarlo diversamente” (Boissonnat, 1995, pp. 9). Con il termine lavoro si intende, in senso generico, “l’applicazione di una energia (non necessariamente solo umana) al conseguimento di un fine determinato” (Devoto, Oli, 1971, pp. 33); ma, in un senso più specifico, si intende anche “l’applicazione delle potenzialità psico- fisiche dell’uomo” (Avallone, 1994, pp. 16) volta alla produzione di un bene o servizio. E’ in base a questa definizione che il lavoro assume la connotazione di processo dinamico: è un movimento che ha come effetto la produzione di un risultato tangibile; è un mezzo tramite il quale si esprimono le risorse fisiche, intellettuali ed emotive dell’individuo; è un intervento di cambiamento che ricade sia sull’oggetto dell’attività lavorativa sia sul soggetto che svolge il lavoro, poiché questi, nell’interazione con l’ambiente fisico e sociale, accresce ed affina capacità che rischierebbero di rimanere sopite; è una sequenza produttiva perché ha come fine ultimo il raggiungimento di un risultato utilizzabile dal suo autore stesso, direttamente o indirettamente; è un terreno su cui si tracciano rapporti e stili di relazione e convivenza tipici di uno specifico

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Federica Avarino Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3279 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.