Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'implementazione di Internet nell'azienda

Questa tesi analizza gli elementi critici che un'azienda deve tenere in considerazione nel momento in cui decide di implementare Internet.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. Introduzione Di vitale importanza per l’azienda, ed ogni altra organizzazione, è la raccolta, l’elaborazione e la distribuzione di informazioni rilevanti per la vita stessa dell’organizzazione. A maggior ragione oggi che la società sta entrando in un era caratterizzata da un’economia basata sulla conoscenza (la cosiddetta “knowledge-based economy”), si afferma e si rafforza il ruolo della informazione e della sua elaborazione grazie al supporto della tecnologia. L’informazione diventa dunque un fenomeno aziendale, essa deve essere opportunamente raccolta trattata e distribuita. Affinché l’informazione in quanto tale diventi conoscenza è necessario disporre, all’interno dell’organizzazione, di tecnologie atte ad elaborare la notevole mole di informazioni disponibili oggi, in modo tale che da queste si possano attingere quelle più rilevanti per la vita aziendale ed in particolare per i processi decisionali. I processi decisionali sono l’insieme di operazioni che vengono poste in essere nello svolgimento delle funzioni a cui il sistema è orientato. 1 Per realizzare questi ci si può avvalere delle risorse umane affiancate dalle tecnologie informatiche che forniscono una serie di strumenti che agevolano notevolmente la vita aziendale nel suo complesso. Nell’analisi dei processi decisionali del Simon si individuano cinque fasi : 1. l’individuazione delle occasioni per prendere una decisione; 2. l’identificazione delle possibili linee d’azione (progettazione); 3. la programmazione con la scelta delle diverse alternative; 4. l’attuazione dei programmi; 5. il controllo e la valutazione dei risultati. Le prime due costituiscono il cosiddetto problem solving, le restanti il decision making. Queste fasi sono in stretta relazione con l’ambiente, interno ed esterno, e ne subiscono l’influenza. È opportuno dunque essere in grado di percepire i cambiamenti dell’ambiente che possano influire sulle decisioni già prese così da poterle adattare al nuovo scenario. Si vede dunque come è necessario ai fini del processo decisionale essere in grado di raccogliere informazioni, saper scegliere quelle opportune, elaborarle e comunicarle in modo da poter fornire un aiuto concreto e valido alla processo stesso. Le informazioni interessano tutti i processi aziendali, e possono essere interne ed esterne all’organizzazione. Ogni singola informazione può riguardare una o più fasi del processo decisionale, è opportuno dunque saper individuare quale livello della struttura organizzativa aziendale è interessata dall’informazione che si va via via trattando. 1 A.Buccellato E.Rinaldi, L’informatica nell’economia aziendale, Giappichelli, 1995

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Vittorio Conte Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1513 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.