Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Internet come strumento e risorsa per lo psicologo clinico

La tesi analizza Internet nei suoi diversi aspetti, quello della comunicazione e della relazione, quello dell’informazione, e descrive i possibili impieghi della rete nella professione di psicologo, in particolare il suo uso clinico che sembra prendere sempre più piede.
Nel primo capitolo viene presentato e spiegato Internet, ripercorrendo la sua storia, dalla Rete militare all’odierno web e descrivendo le sue principali applicazioni: posta elettronica, chat, mailing list ecc. Il secondo capitolo è dedicato all’analisi della comunicazione mediata dal computer; vengono presentati 3 modelli che ne hanno data una lettura diversa: il modello Rsc il modello Side e il modello Hyperpersonal. Vengono poi descritte le dinamiche relazionali che caratterizzano le interazioni online, inoltre nello stesso capitolo trova spazio una riflessione sul linguaggio. Nel terzo capitolo viene spiegato l’utilizzo di Internet per reperire informazioni, la tipologia e la qualità delle informazioni disponibili; una parte specifica è dedicata alla descrizione delle risorse relative alla psicologia clinica. Ancora paragrafi sono dedicati alla rassegna delle riviste scientifiche presenti sul web e alla presentazione delle mailing list e dei newsgroup
Il quarto capitolo descrive il panorama internet italiano elencando alcune delle principali risorse dedicate alla psicologia e ripercorrendo la loro breve storia. Il quinto capitolo si occupa del counseling online, cerca di spiegare come e perché un attività come quella del counseling sia stata trasportata in Rete. Non manca anche in questo caso il riferimento ai siti web che offrono questo tipo di servizio. Inoltre vengono riportate le statistiche di utilizzo di uno di questi servizi, la tipologia quindi di domande maggiormente veicolate in Rete. Il sesto capitolo affronta la spinosa questione della psicoterapia online, già nel titolo compare un punto di domanda perché la legittimità stessa della definizione appare dubbia. Vengono descritte le varie modalità di intervento psicoterapico che possono essere realizzate in Rete evidenziando vantaggi e svantaggi di ognuna, in particolare vengono sottolineati i problemi e i rischi legati ad un tale approccio alla psicoterapia. Riflessioni particolari sono dedicate alle questioni della relazione terapeutica, dei meccanismi terapeutici, dell’assenza della dimensione corporea che il lavoro in Rete comporta. Nel settimo capitolo viene presentato il sito web d'informazione e consulenza per adolescenti “Psicogiovani” www.psicogiovani.it alla cui realizzazione ho personalmente partecipato.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Questo lavoro nasce dal desiderio di approfondire la conoscenza di uno strumento che sta acquisendo sempre più importanza nella nostra vita. Si tratta di Internet, delle reti telematiche che hanno messo a disposizione di un numero progressivamente crescente di persone non più solo potenti strumenti di calcolo o di elaborazione dei dati, ma anche nuove vie e nuove modalità per accedere alla conoscenza, socializzare, lavorare. Ogni settore dell’esperienza è stato rapidamente trasformato dal progresso e dalla diffusione di queste tecnologie, che sono diventate il primo e più efficace motore di cambiamento sociale e culturale della nostra epoca. La psicologia, sempre più presente nella Rete, oltre a usufruire degli indubbi vantaggi professionali che il nuovo sistema di comunicazione offre, non può esimersi da una considerazione più profonda del fenomeno nelle sue varie implicazioni. Internet è uno strumento molto particolare e per certi versi paradossale. L’esperienza non più diretta verso le cose, è mediata. L’incontro tra le persone perde le caratteristiche della fisicitià e la comunicazione effettiva avviene esclusivamente attraverso gli elementi che possono essere “digitalizzati” tradotti in codice binario. La diversa scansione temporale, l’annullamento delle distanze, la perdita della fisicità nei processi di comunicazione possono suggerire l’idea che ciò con cui abbiamo a che fare non è soltanto un nuovo tipo di telefono molto sofisticato ed estremamente efficiente, quanto un nuovo contesto nel quale facciamo esperienze, un mondo virtuale, ma non per questo meno reale del mondo comune. All’interno di questo “mondo” gli psicologi possono trovare numerose risorse utili per arricchire le proprie conoscenze e

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Gaetano Maiorano Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3183 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.