Skip to content

Recenti contributi dell'interazionismo simbolico alla ricerca sui mass media

Informazioni tesi

  Autore: Linda Scotti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Anna Manzato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

Il percorso di ricerca che seguirò nel presente lavoro tende a delineare gli sviluppi più recenti dell'interazionismo simbolico nel campo della comunicazione mediale. Il raggiungimento dell'obiettivo ha presentato al principio alcune difficoltà oggettive, dal momento che l'individuazione dei rappresentanti contemporanei di tale indirizzo teorico non è certamente di immediata accessibilità. Infatti, il tentativo di etichettare gli interazionisti è già destinato in partenza al fallimento perchè, al di là del comune riferimento ai fondatori del modello, le prospettive dei singoli esponenti appaiono quanto mai eclettiche. In ogni caso, la varietà di stimoli che si manifestano nei loro lavori è la fonte che alimenta il desiderio di ricomporre questo variegato quadro teorico. E' questo il motivo per il quale mi sembra importante rintracciare innanzitutto le basi teoriche dell'interazionismo simbolico contemporaneo. Questa introduzione ha lo scopo di individuare sia gli elementi di fondo che accomunano gli interazionisti, sia gli elementi diversi e originali che li distinguono, segnando le prime tracce di percorsi di ricerca davvero indipendenti. Su tali basi sarà poi possibile delineare l'approccio microsociologico che si trova alle radici del modello interazionista e che trovava il suo punto di riferimento privilegiato e originario negli esponenti più illustri, ovvero Mead, Cooley e Blumer.
Più di recente, come si vedrà analiticamente soprattutto nel secondo capitolo, si sono miscelati all'interazionismo classico anche i contributi della filosofia europea, in particolare di matrice fenomenologica ed esistenziale, che hanno arricchito il quadro teorico sul versante qualitativo. E' questo difatti l'approccio tipico di due interazionisti contemporanei di cui ci si occuperà in questo lavoro, cioè Norman Denzin e David Altheide. L'interazionismo simbolico non si accontenta perciò di tracciare le linee guida del simbolico sul piano delle relazioni comunicative tra individui, ma aspira alla comprensione dei meccanismi sociali che sono alla base di tali relazioni. Per questo l'analisi dei media di Denzin e Altheide apre un ampio orizzonte di indagine, che invoca le suggestioni di teorici non solo afferenti, ma anche estranei alla tradizione interazionista. Norman Denzin, ad esempio, che è di certo il più eclettico fra gli interazionisti contemporanei, è stato influenzato in modo particolare, ma non esclusivo, dal pensiero francese. Specificamente le sue ricerche, non solo in ambito mediale, guardano a Sartre, Merleau-Ponty, Foucault, Lyotard, Baudrillard, Barthes e Derrida. Si mescolano quindi nella sua riflessione i rimandi all'esistenzialismo, a cui ho prima accennato, con il postmodernismo e la semiotica. Questo approccio allo studio del sociale, che Denzin ha battezzato Interazionismo Interpretativo per via dell'intenzione ermeneutica che lo muove, acclude anche la tradizione etnografica di Goffman e Garfinkel che rappresenta forse lo sviluppo più noto dell'interazionismo simbolico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il percorso di ricerca che seguirò nel presente lavoro tende a delineare gli sviluppi più recenti dell'interazionismo simbolico nel campo della comunicazione mediale. Il raggiungimento dell'obiettivo ha presentato al principio alcune difficoltà oggettive, dal momento che l'individuazione dei rappresentanti contemporanei di tale indirizzo teorico non è certamente di immediata accessibilità. Infatti, il tentativo di etichettare gli interazionisti è già destinato in partenza al fallimento perché, al di là del comune riferimento ai fondatori del modello, le prospettive dei singoli esponenti appaiono quanto mai eclettiche. In ogni caso, la varietà di stimoli che si manifestano nei loro lavori è la fonte che alimenta il desiderio di ricomporre questo variegato quadro teorico. E' questo il motivo per il quale mi sembra importante rintracciare innanzitutto le basi teoriche dell'interazionismo simbolico contemporaneo. Questa introduzione ha lo scopo di individuare sia gli elementi di fondo che accomunano gli interazionisti, sia gli elementi diversi e originali che li distinguono, segnando le prime tracce di percorsi di ricerca davvero indipendenti. Su tali basi sarà poi possibile delineare l'approccio microsociologico che si trova alle radici del modello interazionista e che trovava il suo punto di riferimento privilegiato e originario negli esponenti più illustri, ovvero Mead, Cooley e Blumer. Più di recente, come si vedrà analiticamente soprattutto nel secondo capitolo, si sono miscelati all'interazionismo classico anche i contributi della filosofia europea, in particolare di matrice fenomenologica ed esistenziale, che hanno arricchito il quadro teorico sul versante qualitativo. E' questo difatti l'approccio tipico di due interazionisti contemporanei di cui ci si occuperà in questo lavoro, cioè Norman Denzin e David Altheide. In Media Power, David Altheide delinea in termini generali la sua prospettiva dicendo che: "se l'interazione sociale è influenzata dalle aspettative, dalle esperienze individuali e dalle assunzioni concernenti il comportamento appropriato, e se queste sono per converso modificate attraverso il processo di interazione con qualcuno, allora qualsiasi cosa informi queste basi di interazione sarà anche cruciale per la nostra comprensione dell'ordine sociale. Questo è il motivo per cui ogni teorico deve sapere qualcosa di media e comunicazione." 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi