Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teorie, modelli e sviluppi del mercato a livello internazionale e nazionale riguardanti processi di e-learning

L’oggetto di interesse di questa discussione è proprio quello di focalizzare l’attenzione sulle dinamiche di “e-learning” promosse e valorizzate dal ricorso a tecnologie sempre più sofisticate; queste ultime costituiscono la risposta concreta alle esigenze più disparate di coloro che intendono intraprendere un percorso di apprendimento flessibile e che facilita la gestione integrata di tutti gli aspetti della vita di ciascuno.
L’innovazione tecnologica avvia il passaggio dalla “società dell’informazione” caratterizzata da un’informazione di massa e fondata sulla distribuzione di dati predefiniti e standardizzati, ad una “società della conoscenza” che sollecita la partecipazione cognitiva di ogni singolo individuo ed in cui l’accesso è permesso dal patrimonio di conoscenze e competenze posseduto.
L'accrescimento e il cambiamento continuo sia dei sistemi informatici che delle infrastrutture di comunicazione consentono la sperimentazione e la concretizzazione di modelli comunicativi sempre più sofisticati, capaci di offrire nuove opportunità di apprendimento sia in termini economici che qualitativi.
L'aumento incessante dell'utilizzo di Internet non produce semplicemente la corsa alla realizzazione di diverse tecnologie ma modifica in maniera rapida e assidua il modo di lavorare delle persone. Per questo motivo il concetto di e-learning non si limita a quello di trasferimento di contenuti formativi attraverso la rete, ma è un modo di concepire la didattica che accresce il valore dell’insegnamento tradizionale con l'integrazione delle tecnologie della comunicazione.
L’e-learning è - con le parole della Commissione Europea - “l’istruzione di domani”. E’ il nuovo modo di studiare reso possibile dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Con tale espressione si indica quindi l’uso della tecnologia per progettare, distribuire, selezionare, amministrare, supportare e diffondere la formazione, realizzando percorsi formativi personalizzati. Si ha così una nuova prospettiva: non è più l’utente a dirigersi verso la formazione, ma è la formazione a plasmarsi in base alle esigenze e alle conoscenze dell’utente.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 - L’E-LEARNING INTESO COME FENOMENO SOCIALE E DI MERCATO. 1.1. PREMESSA Lo sviluppo e la diffusione delle nuove tecnologie della comunicazione stanno mutando in modo sempre più rapido e incisivo la società in cui viviamo: l’evoluzione e il cambiamento interessano non solo gli strumenti e le tecniche di comunicazione, le strutture economiche e produttive dei nostri paesi, ma l’intera società e le forme in cui essa si esprime, a partire dalla cultura, i costumi ed il modo di pensare. Le funzionalità di base offerte dalla telematica (accesso a risorse, comunicazione in tempo reale o/e differita, ecc….) possono essere utilizzate direttamente come risorse nell'ambito di processi didattici di tipo tradizionale o possono servire a dare vita a modelli di insegnamento/apprendimento innovativi basati su processi di comunicazione collaborativi e bidirezionali, che si sono delineati negli ultimi anni nell’istruzione a distanza. L’oggetto di interesse di questa discussione è proprio quello di focalizzare l’attenzione sulle dinamiche di “e-learning” 1 promosse e valorizzate dal ricorso a tecnologie sempre più sofisticate; queste ultime costituiscono la risposta concreta alle esigenze più disparate di coloro che intendono intraprendere un percorso di apprendimento flessibile e che facilita la gestione integrata di tutti gli aspetti della vita di ciascuno. L’innovazione tecnologica avvia il passaggio dalla “società dell’informazione” caratterizzata da un’informazione di massa e fondata sulla distribuzione di dati predefiniti e standardizzati, ad una “società della conoscenza” che sollecita la 1 Si veda il glossario.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Stefania Fraccavento Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3775 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.