Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione del settore calzaturiero e tessile a Barletta dagli anni '70 agli anni '90

L'evoluzione del settore calzaturiero e tessile a Barletta dagli anni settanta agli anni novanta.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nello sviluppo economico italiano, dalla fine della seconda guerra mondiale ha assunto grande importanza il settore del “made in Italy”. Per “made in Italy” intendiamo quell’insieme di attività manifatturiere che hanno mostrato una grande competitività internazionale, tale da generare nel corso degli anni un consistente volume di esportazioni. In questa analisi prenderemo in considerazione due grandi settori dell’industria manifatturiera che hanno contribuito ad accrescere negli anni sia il prodotto interno lordo sia la competitività dei prodotti italiani sui mercati internazionali: il settore calzaturiero e quello tessile. Il settore calzaturiero, che corrisponde alla voce 19.30 della classificazione ISTAT per i Censimenti Industriali, comprende le aziende che producono, come è a tutti noto, scarpe sia in pelle sia in materiale sintetico (plastica e gomma). Per quanto riguarda il settore tessile, esso fa invece riferimento rispettivamente alle voci 17.00 e 18.00 della classificazione ISTAT adottata sempre nei Censimenti Industriali. Il settore in questione, invece, comprende le aziende di maglieria e prodotti

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luigi Musti Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2346 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.