Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tentativo di conciliazione obbligatorio ''ante causam''

Il presente lavoro si pone come obiettivo l'indagine sulle modalità di risoluzione dei conflitti e di realizzazione del diritto, in ambito processuale civile, attraverso ADR - Alternative Dispute Resolution - prima di iniziare una attività giurisdizionale e, pertanto, senza pervenire alla pronuncia di un giudice ordinario, evitando così perdite di tempo e di denaro che sembrano ormai connaturate allo svolgimento di un processo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I INTRODUZIONE In linea generale il riconoscimento da parte di un ordina- mento giuridico di un qualsiasi diritto in capo ad un soggetto postula, evidentemente, la necessità di prevedere strumenti di tutela idonei a consentirne la realizzazione. Tale realizzazione può avvenire sia mediante l’esercizio del diritto da parte del titolare attraverso il ricorso ad organi giurisdizionali che ne assicurino la tutela coattiva, sia in se- guito all’adeguamento dell’obbligato al comportamento da lui dovuto. Quest’ultima eventualità può realizzarsi o spontaneamente da parte dell’obbligato, senza che vi sia alcuna iniziativa del titolare del diritto, oppure conseguire ad un’azione del titolare, promossa prima di giungere alla pronuncia del giudice ed alla sua esecuzione coattiva. Il presente lavoro si pone come obiettivo l’indagine sulla

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Natalia Rossi Contatta »

Composta da 433 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5743 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.