Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili costituzionali del Pubblico Ministero

Questa tesi analizza in maniera esaustiva l'evoluzione della figura del pubblico ministero, soffermandosi in particolare sulla disciplina di cui tale istituto gode nel nostro ordinamento. Vengono affrontati tutti i problemi relativi al principio della separazione dei poteri, all'ordinamento giudiziario ed all'indipendenza ed autonomia della magistratura. L'ultimo capitolo chiude la tesi con un particolareggiato esame del conflitto fra potere politico e potere giudiziario che negli ultimi decenni ha caratterizzato la nostra storia repubblicana, con particolare attenzione alla riforma costituzionale del 1997, mai approvata, nonché alle proposte di revisione dell'ordinamento giudiziario del nuovo Guardasigilli Ministro Castelli. Si esamina anche l'attualissimo problema delle separazione delle carriere tra giudici e pubblici ministeri.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il pubblico ministero, ossia l’ufficio cui fa capo l’esercizio dell’azione penale, nasce storicamente come un funzionario del potere esecutivo cui, tuttavia, si riconosce la qualifica di magistrato. In tale ambivalenza, ossia la dipendenza dall’Esecutivo e l’appartenenza al corpo del potere giudiziario, è contenuta tutta la problematica relativa alla natura giuridica di tale istituto. La Costituzione della Repubblica italiana, volendo affermare l’indipendenza del pubblico ministero dal Ministro di Grazia e Giustizia, sancisce la “obbligatorietà dell’azione penale” nel suo art.112. Pur prevedendo nell’ultimo comma dell’art. 107 l’assoggettamento del pubblico ministero alle sole garanzie previste dall’ordinamento giudiziario, ne mantiene intatta la qualifica di magistrato. Gli artt. 107 e 112 sono le uniche norme che delineano una configurazione costituzionale dei magistrati con funzioni requirenti. Gli attuali profili costituzionali del pubblico ministero lasciano, pertanto, ampio spazio alla legislazione di rango ordinario, poiché l’esigenza che fu avvertita come primaria in sede costituente era stata in qualche modo soddisfatta: il pubblico ministero non era più sottoposto alle dipendenze del

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giulia Tenuta Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5880 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 61 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.