Skip to content

Sistemi Erp e modalità Asp: quando una Pmi ricorre a strumenti di governo da grande impresa

Informazioni tesi

  Autore: Pierpaolo Polidori
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Tommaso Federici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 194

La diffusione dei personal computer, lo sviluppo delle reti a banda larga, l’acquisita abitudine a confrontarsi con nuove tecnologie, hanno dato grande impulso ad un comparto della net-Economy, quello dei Sistemi Informativi Aziendali ed in particolare i Sistemi Informativi Gestionali, di cui si occuperà questa tesi.
Considerando la scelta dello sviluppo interno un caso limite, vista la dimensione, la pervasività e la complessità di questa tipologia di sistema integrati, il nodo di grande interesse che andremo a trattare sta nel confronto tra il vecchio paradigma make or buy ed il nuovo scenario make, buy or rent.
I sistemi che prenderemo in considerazione saranno gli ERP (Enterprise Resource Planning) come categoria di software da gestire “in house “ e gli ASP (Application Service Provider) come organizzazioni che erogano servizi informativi dall’esterno.
Il grande successo ottenuto nel passato decennio dai sistemi ERP, rischia di essere superato da questa nuova generazione di operatori che sembrano poter coprire tutte le aree funzionali senza intaccare processi già consolidati all’interno dell’azienda, risolvendo il problema dell’invasività: il grande limite che un software standard non potrà mai eliminare completamente.
Andremo ad indagare direttamente dagli stakeholders, cercando di scavalcare la miriade di sigle e acronimi, apparentemente identici ma che celano in realtà servizi diversi, per vedere quali sono i benefici reali ottenuti ed attesi, i vantaggi e gli svantaggi, le applicazioni più usate e le resistenze più frequenti alla scelta di un’opzione o dell’altra.
Il target di riferimento sarà rappresentato da un campione di 50 imprese (PMI con massimo 250 dipendenti), cui verrà sottoposto un questionario che servirà a rilevare le reali funzionalità della soluzione adottata.
Per una maggiore completezza della ricerca, e per aumentare la comprensione del fenomeno, abbiamo deciso di sottoporre il questionario a 20 PMI che non usano un ERP, né tradizionale né erogato in modalità ASP, per misurarne il grado di interesse.
La scelta di analizzare il comparto delle piccole e medie imprese prende spunto dalla stratificazione del tessuto connettivo industriale italiano, caratterizzato da una tipologia di aziende di dimensione ridotta come nessun altro paese industrializzato.
L’obiettivo di questa ricerca è quella di indagare quali benefici possono trarre realtà organizzative storicamente estranee a soluzioni informatiche tipicamente rivolte a imprese con un elevato numero di dipendenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nel corso dell’ultimo decennio le aziende si sono trovate ad operare in un contesto caratterizzato da continua evoluzione, la globalizzazione le ha messe a confronto con nuovi mercati, nuovi concorrenti e aspettative crescenti da parte della clientela. Chi produce si è trovato costretto, per mantenersi competitivo, a tentare di diminuire i costi dell’intera catena del valore, a ridurre i tempi di approvvigionamento, minimizzando le scorte e a cercare di accrescere la qualità dei propri prodotti per assicurare un servizio sempre migliore. In questa situazione così mutevole e incerta, la risorsa dell’informazione ha assunto un ruolo chiave nelle strategie aziendali, supportata dallo stupefacente sviluppo del settore dell’ICT (Information & Communication Technology), che ha dato vita ad una serie di nuove tecnologie e di nuove categorie di servizi che se ben sfruttati possono migliorare sensibilmente l’efficienza di molti dei processi aziendali. La diffusione dei personal computer, lo sviluppo delle reti a banda larga, l’acquisita abitudine a confrontarsi con nuove tecnologie, hanno dato grande impulso ad un comparto della net-Economy, quello dei Sistemi Informativi Aziendali ed in particolare i Sistemi Informativi Gestionali, di cui si occuperà questa tesi. Il rischio che corre un’impresa nello sviluppo di un nuovo SI è quello di investire troppo tempo e troppe risorse in un progetto di cui non è facile predire la buona riuscita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi