Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il follow-up pluriennale delle caratteristiche fisiologiche in un soggetto in atletica leggera

La tesi tratta dell'evoluzione di un atleta nazionale italiano a Sydney che pratica i 3000 siepi, dal 1988 al 1998; sono riassunte le metodiche di allenamento usate e la loro verifica per mezzo di test di valutazione funzionale di tipo invasivo e non invasivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 I Introduzione I metabolismi energetici Come inizio della trattazione occorre fare un breve, quanto necessario, accenno a quali siano i tipi di metabolismo da cui i distretti muscolari traggono l'energia necessaria allo svolgimento di qualsiasi attività, dalla semplice attività domestica di tutti i giorni fino alla prestazione sportiva di alto livello. La base di tutto è la molecola di adenosintrifosfato (ATP) che grazie all'attività enzimatica dell'ATPasi si scinde in ADP (adenosindifosfato) e P (fosfato inorganico) liberando l'energia necessaria alla contrazione muscolare, che è stato calcolato essere pari a 7,3 kcal per ogni mole di ATP scissa. A sua volta la molecola di ADP (in caso di richieste energetiche alte in tempi ridotti) può scindersi in adenosinamonofosfato (AMP) e P liberando la stessa quantità di energia della scissione di cui sopra, ma avviando anche i processi di deaminazione dell'AMP che liberano NH 3 (ammoniaca) composto che è uno dei responsabili dell'insorgere del senso di fatica, e che entra poi nel ciclo dell'urea, che captata a livello renale viene espulsa con le urine. L'ATP però si esaurisce dopo poche contrazioni muscolari, e ha bisogno di essere risintetizzato affinché l'attività muscolare possa protrarsi, il primo composto che viene reclutato come riserva di energia per questa risintesi e la fosfocreatina (PC) che scindendosi in creatina e fosfato inorganico libera l'energia necessaria ad ADP e P per unirsi formando ATP. Anche la fosfocreatina è però contenuta in quantità molto ridotte nei muscoli (circa 20/30 mmoli/kg di muscolo), e assicura da sola di poter lavorare per 20/30 secondi al massimo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Davide Bernasconi Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1387 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.